Motorola-X

Nuove e contrastanti informazioni su specifiche e disponibilità di Motorola X Phone

Nicola Ligas

Mentre il cerchio si stringe attorno al Galaxy S IV, un nuovo contendente cerca di rubargli un po’ di scena: parliamo del fantomatico Motorola X Phone, recentemente ribattezzato in NXT, grazie ad una prima e sfuocata immagine, condita di specifiche, trapelata ieri dall’Olanda. Quest’oggi facciamo un salto all’altro capo del mondo, in Australia, e vediamo cosa hanno da dire in merito nella terra dei canguri.

Il report australiano inizia con l’immagine che vedete qui sopra, ovvero la versione “ripulita” di quella circolata ieri, per la quale sarebbe stato utilizzato il banale render soprastante, allo scopo di creare tanto rumore per nulla. E con questa in pratica potremmo archiviare le voci di ieri, ma c’è dell’altro. Un informatore “ben posto” avrebbe infatti rivelato nuove indiscrezioni, sia sulle caratteristiche tecniche, sia sulla disponibilità di Motorola X Phone.

  • La fotocamera posteriore sarà da 10 megapixel (ignota la risoluzione di quella anteriore). I 16 megapixel visti ieri sarebbero insomma un palese falso tanto per attirare l’attenzione, ma come abbiamo visto più volte, non è la sola risoluzione a fare il buon sensore.
  • Il display sarà da 5 pollici a 1080p (sebbene Motorola stia avendo problemi di reperibilità per schermi di questa taglia e potrebbe retrocedere ai 4,7” full HD se le cose non cambiassero entro il lancio).
  • Il processore sarà a marchio Qualcomm.

Come vedete siamo insomma dalle parti di un modello piuttosto diverso da quello visto ieri: niente Tegra 4i, in luogo di una non precisata soluzione di Qualcomm, che in questo inizio 2013 è in netto vantaggio nella lotta contro NVIDIA. Inoltre gli Snapdragon sono già ampiamente disponibili sul mercato e questo potrebbe significare un’uscita di X Phone più prossima di quanto pensassimo.

Sensato anche il ragionamento sulla fotocamera, anche se puramente in via teorica: nessuno nega che i megapixel non siano tutto, ma questo non significa che l’ipotesi di un sensore a 10 MP sia per forza più realistica di uno da 16. Stesso discorso per il display: se Motorola reputa importante avere un modello da 5” ci sembra piuttosto strano che sia costretta a rinunciarvi solo per questioni tecniche, quando in fondo tutti gli altri produttori non sembrano aver avuto particolari problemi nel realizzare smartphone con questa e ben più ampie diagonali. Tanto più se teniamo in considerazione le ulteriori informazioni sulla disponibilità.

Motorola X Phone non sarebbe un modello globale, e non possiamo certo dire che questo fatto ci stupirebbe troppo se si rivelasse autentico. L’Australia nello specifico potrebbe non vedere commercializzato lo smartphone (e di nuovo ci immaginiamo facilmente di farle compagnia), perché Motorola sarebbe intenzionata ad investire solo in paesi nei quali il maggior operatore si impegni per almeno 25.000 modelli inizialmente, ed in Australia Telstra non sarebbe andato oltre i 15.000 per adesso. Il carrier australiano avrebbe tempo entro fine mese per ripensarci, o dovrà rinunciare a X Phone, il che lascerebbe comunque intendere una commercializzazione dello smartphone in tempi non troppo lontani.

Con voci così discordanti comunque è chiaro che discernere la verità sia alquanto difficile e ogni ipotesi, soprattutto in assenza di prove, e valida quanto un’altra. Non ci faremo però illusioni su un fatto: la disponibilità globale del fantomatico modello di Motorola. Un po’ di sano scetticismo in merito aiuterà sicuramente a tenerci al riparo da eventuali “fregature”. D’altronde la storia del Nexus 4 sarà pur servita a qualcosa, no?

Fonte: Fonte