superbeam

Con SuperBeam arrivano i trasferimenti Wi-Fi tramite NFC

Nicola Randone

Anche se c’è un’assonanza tra i nomi, SuperBeam non ha nulla a che vedere con S Beam benchè, sostanzialmente, faccia la medesima cosa del protocollo implementato da Samsung negli ultimi smartphone con chip NFC.

L’applicazione, che bisogna installare su entrambi gli smartphone, permette di effettuare il trasferimento di qualsiasi file via WiFi tramite autenticazione NFC, contrariamente a quanto fa Android Beam che, a partire da ICS, utilizza il lento e poco efficiente bluetooth.

Nonostante ieri parlassimo di un’applicazione dalle funzionalità simili, riassumiamo velocemente il modo in cui operano questo tipo di file manager. Grazie al chip NFC sarà sufficiente avvicinare i telefoni perchè l’applicazione autorizzi il trasferimento, poi, dopo essersi collegati alla medesima rete Wi-Fi (o aver creato un hotspot al quale far collegare il nostro ricevente), è possibile avviare il trasferimento: nel caso di SuperBeam anche di più file contemporaneamente.

Niente di più semplice, unica pecca il fatto che il nostro interlocutore deve avere la medesima applicazione. Speriamo che Google si decida ad implementare, nelle prossime versioni di Android, una versione Android Beam che offra il trasferimento Wi-Fi, considerato il proliferare di applicazioni di questo genere nonchè la ben nota S Beam di Samsung.

Staremo a vedere. Nel frattempo, se avete modo di provarla, fateci sapere la vostra esperienza d’utilizzo.

Get it on Google Play