Android 4.2.2

Le piccole novità di Android 4.2.2

Nicola Ligas -

Abbiamo visto subito i cambiamenti più evidenti apportati da Android 4.2.2, che principalmente si riassumono nei due toggle nei quick setting e nel tempo stimato di download. Ci sono state però anche modifiche tecniche, sia di sicurezza che nella modalità di connessione adb, inoltre i proprietari di Nexus 4 non potranno più sfruttare la radio LTE “dormiente” nel loro smartphone. A parte questi però ci sono stati anche tanti altri sottili cambiamenti (a volte davvero molto, molto sottili), principalmente nell’interfaccia e nell’omogeneità del sistema; non pretendiamo di riuscire ad elencarli tutti, perché sicuramente qualcosa ci sarà sfuggito, ma intanto ci proviamo. A ciascuno dei seguenti punti è associata una foto nella galleria a fine articolo, corrispondente al numero nell’elenco.

  1. È stato inserito il widget email nella lockscreen, laddove prima era presente solo quello di Gmail. Il comportamento è praticamente identico tra i due, e si tratta in fondo solo di un’estensione dovuta.
  2. Nelle impostazioni, quando ci spostiamo in una delle tante voci presenti, l’intero nome di quella sezione è cliccabile, e ci rimanda alla pagina principale delle impostazioni. Prima solo l’icona in alto a sinistra lo era, ma non la scritta al suo fianco.
  3. L’app associata a Daydream è stata ribattezzata “Daydream di base”. La cosa non impatta in alcun modo sull’esperienza utente.
  4. Nella rubrica/dialer e nell’app email sono cambiati i suggerimenti associati alla pressione prolungata di alcune voci: prima erano per lo più “nuovo”, adesso vengono più chiaramente indicati “aggiungi contatto”, “aggiungi gruppo”, o “vecchio” e “nuovo”, e altro ancora.
  5. Numerosi cambiamenti di lettering e layout nell’orologio, niente che modifichi le sue funzionalità comunque: parliamo di spaziature, margini, e passaggi da maiuscolo a minuscolo.
  6. Ci sono tre nuove cornici nell’editor fotografico incluso nella galleria: “Grunge,” “Sumi e,” and “Tape.”
  7. Nella pagina con le istruzioni del face unlock, i font sono ora in grassetto.
  8. Un po’ ovunque, “Scegli suoneria” è diventato “suoni”, mentre le opzioni per la vibrazione, che prima prevedevano “sempre”, “mai” e “solo quando silenzioso” sono adesso state ridotte ad una semplice checkbox on/off
  9. Nella lockscreen i pulsanti del volume non funzionano più per modificare il livello della suoneria (ma funzionano anche a schermo spento per regolare il volume in caso di riproduzione audio avviata), inoltre il pulsante per aggiungere widget ha un suo effetto colorato quando premuto
  10. Android non è più chiamato iPhone in svedese

Ci sarebbero in realtà anche altri cambiamenti di lettering e layout, a quanto pare il buon Matias Duarte si è dato da fare come promesso, ma niente che valga la pena puntualizzare ulteriormente. Non era comunque lecito aspettarsi svolte epocali nel passaggio 4.2.1 – 4.2.2 e se al Google I/O di maggio vedremo davvero una nuova major release del robottino, questo sarà probabilmente il canto del cigno per Jelly Bean, che difficilmente potrà aggiornarsi nuvoamente prima dei prossimi tre mesi. Speriamo insomma che questa relativa quiete, sia solo il preludio alla tempesta.

Fonte: Fonte