paperboy_header

PaperBoy: notizie casuali da fonti attendibili

Erika Gherardi -

PaperBoy

Se quello che state cercando è un ottimo lettore di feed, avete decisamente sbagliato software perché PaperBoy è molto lontano dall’essere un rss reader. In realtà si auto-definisce News Reader e la definizione gli calza a pennello se abbandonate l’idea che un’applicazione di questo tipo dovrebbe consentirvi di inserire le fonti che volete.

PaperBoy vi offre una lista di selezionate fonti divise per argomento di interesse, quindi troverete siti dedicati alla tecnologia, alla cronaca, all’intrattenimento, alle auto e persino ai fumetti.  Tutto quello che vi viene chiesto di fare è spuntare quelli che volete leggere  in modo che vengano aggiunti alla schermata principale e aggiornati periodicamente, con tanto di notifica estesa che vi indica quanti articoli nuovi ci sono e relativi a quali fonti.

Tappando su un sito tra quelli aggiunti, divisi per canale così potete facilmente reperire quello che vi serve nella home, vi troverete davanti ad un solo articolo, incompleto. Per vederlo tutto basterà tappare sul testo, mentre per visualizzare gli altri basterà uno swype da sinistra verso destra per vedere la lista di tutto ciò che vi siete persi.

Veniamo ai difetti. Il primo lo potete facilmente intuire: fonti limitate, sebbene scelte accuratamente, rendono il software di per sé molto poco utile per tutti coloro che invece amano seguire più siti o blog, magari poco noti; da non tralasciare poi il fatto che siano tutte risorse scritte in lingua anglosassone quindi, ad esempio, AndroidWorld ve lo perdereste e sarebbe un vero peccato. Un secondo fastidiosissimo, almeno per noi, difetto è l’impaginazione del testo; mancano grassetti, corsi, spazi… Sì, insomma, manca tutto. Leggere non è più un piacere quanto tutto è compresso in modo piuttosto spiacevole e la possibilità di ingrandire il font è piuttosto inutile a quel punto.

La consigliamo? A dire il vero, no. Non per l’uso che ne facciamo noi che abbiamo bisogno di reader in grado di accettare tutti i feed che gli proponiamo. Senza contare ovviamente che è in inglese e quindi perde un po’ di appeal se ad interessarvi sono canali tipo News e Sport. Se però volete tenervi aggiornati su uno qualsiasi dei settori che l’app include senza sapere da che parte iniziare, allora potrebbe tornarvi piuttosto utile.

Get it on Google Play