ouya

I pareri degli sviluppatori di giochi su Ouya

Nicola Ligas -

È ormai passato poco più di un mese da quanto i primi sviluppatori hanno messo le mani sul dev kit di Ouya, ma al di là dei giochi che staranno creando, cosa ne pensano della console in sé? È quello che ha chiesto la redazione di Engadget in un’intervista ad alcuni di loro, che hanno serenamente espresso i loro pareri, tra lodi e critiche.

Rami Ismail, sviluppatore di Super Crate Box, afferma ad esempio che alcuni dei problemi del controller sono stati risolti basandosi sul suo feedback, ma rimane comunque perplesso circa il touchpad e la mancanza dei pulsanti start e select.

Nathan Fouts di Mommy’s Best Games e Jerrod Putman, sviluppatore di Sheepstacker, sono invece più preoccupati dei limiti hardware di Ouya, che non è propriamente una “powerhouse.” Ricordiamo che a bordo troviamo il SoC Tegra 3, che ormai non è più la punta di diamante di nVidia nel settore mobile e pone senz’altro Ouya ad un livello inferiore rispetto a PlayStation 3 e Xbox 360.

Nonostante questo, tutti sono fiduciosi per il futuro degli sviluppatori indie per la console, grazie all’intrinseca apertura della piattaforma e alla sua facilità di utilizzo. Secondo Putman,Ouya rappresenta un modo concreto e reale per gli sviluppatori indipendenti di tuffarsi nel mondo delle console, senza bisogno di firmare pesanti contratti con gli editori o compromettere la loro visione.

Ismail si limita invece più alla constatazione dell’ovvio, ovvero il fatto che il futuro della console dipende dalla quantità e qualità dei giochi progettati per essa, ammonendo però sul fatto che se Ouya sarà troppo permissiva con gli sviluppatori “potremmo ritrovarci in un campo minato di terribili applicazioni simile all’Android Play Store.” Giudizio quantomai severo, ma in parte condivisibile.

Via: ViaFonte: Fonte