PushBullet, un nuovo modo per ‘sparare’ file e note al proprio smartphone

Lorenzo Quiroli -

pushbullet

Ci sono molte applicazioni per trasferire contenuti, appunti oppure file tra pc e smartphone, ma PushBullet è tra le applicazioni più piacevoli per fare ciò, sempre che si tratti di note non chilometriche o documenti di pochi megabyte.

L’app sfrutta il vostro account Google per la sincronizzazione e permette di inviare contenuti attraverso la pagina web (che dovrete obbligatoriamente utilizzare per inviare file) di PushBullet oppure la ancora più comoda estensione per Google Chrome. Se dovete trasferire un nuovo sfondo dal pc a smartphone o tablet, o file di piccole dimensioni, questa app permette di risparmiare tempo, facilitando l’operazione (basta un semplice click e il file sarà sul nostro smartphone) rispetto alla connessione via cavo (che però nel caso di documenti più ‘corposi’ è sempre la più efficiente vista la velocità di trasferimento più elevata) o anche rispetto ad applicazioni come Airdroid, che necessitano di un login inziale (seppur poi consentano di eseguire molte operazioni in più).

pushbullet-chrome

La prima delle funzioni che è possibile eseguire ci ricorda molto Chrome to Phone, l’estensione di Chrome che permette di inviare pagine web al proprio smartphone o tablet, ma le possibilità di questa app si estendono ben oltre, permettendoci di inviare anche delle note composte da titolo e contenuto, delle liste con titolo e vari elementi che sarà poi possibile spuntare come dei to-do all’interno dell’applicazione principale, oppure dei file.

PushBullet-1

Pushbullet-2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le notifiche sono espandibili e all’interno della applicazione avrete una cronologia di ciò che vi è stato inviato, in modo che non rimanga solamente una notifica, facilmente cancellabile per errore, ma comunque sarà possibile rimuoverle anche dall’applicazione principale quando vorrete. Dall’interfaccia web è inoltre disponibile una quinta opzione, riguardante gli indirizzi, che però è praticamente identica alle note se non con un campo di testo più breve.

L’applicazione è quindi particolarmente adatta a chi si trova spesso a navigare col proprio pc, e vuole inviare facilmente note o contenuti al proprio dispositivo Android senza doverseli appuntare manualmente (o per esempio, inviarli via mail a se stesso), ed offre un’ottima esperienza utente essendo utile e allo stesso tempo piacevole da usare, anche grazie all’interfaccia holo e all’assenza di pubblicità in una app che è comunque gratuita e di ottima fattura: quali motivi per non scaricarla dunque?

Get it on Google Play