CES2013-5826

Pixel a forma di diamante per il Galaxy S IV?

Nicola Ligas -

Innovazione? Volendo potremmo anche chiamarla così, ma dopo anni di matrice PenTile non ce la sentiamo di osannare troppo Samsung per un qualcosa che ancora non è confermato, e per di più sulla cui qualità non possiamo ancora esprimerci: non sarebbe certo la prima volta che una tecnologia molto pomposa sulla carta non si rivela poi così “innovativa” alla prova pratica. Siamo comunque partiti dal fondo, facendo le nostre considerazioni prima di avervi illustrato l’argomento della discussione, quindi facciamo un passo indietro e partiamo dall’inizio.

Stando a quanto riportato da Digitimes (una delle fonti storicamente non più attendibili di sempre), Samsung utilizzerà pixel esagonali e a forma di diamante per superare i 440 ppi di densità sui suoi futuri pannelli AMOLED, grazie “all’incastro” che queste particolari forme consentono di ottenere. Samsung avrebbe sviluppato questi particolari pixel utilizzando il processo di produzione Laser-Induced Thermal Imaging (LITI), che è più economico e consente l’impiego di più sub-pixel rispetto al convenzionale processo Fine Metal Mask (FMM) utilizzato finora nella serie Galaxy.

Inutile dire che la prima ipotesi che viene fatta è l’utilizzo di questi particolari pixel nel futuro Galaxy S IV, ma appunto al momento non possiamo certo né confermare la cosa né dirvi quali reali benefici comporterebbe l’utilizzo di questa tecnologia in un display che sarà comunque “molto denso”, come del resto tutti i 5” full HD.

Via: ViaFonte: Fonte