SamsungExynos

Samsung alla ricerca di nuovi partner per vendere i suoi chip, e già si parla di Exynos 5 Octa per il Note III

Nicola Ligas -

Con gli accordi con Apple sempre sul punto di cedere, almeno stando alle voci di corridoio in merito, Samsung tasta il terreno per possibili nuovi partner commerciali e lo fa in uno dei mercati in più forte crescita: quello cinese.

Un dirigente di Huawei avrebbe infatti confermato che la sua società è stata contattata dai coreani, aggiungendo anche di non vedere ostacoli alla collaborazione tra le due, se Samsung offrisse delle “condizioni favorevoli”. Stessa musica sembra suonare anche in casa ZTE, che avrebbe bisogno di “migliori chip, a un prezzo migliore”.

Con Apple che al momento copre l’80% circa degli introiti della divisione chip di Samsung, è ovvio che le casse dell’azienda coreana ne risentirebbero sensibilmente se le cose cambiassero, ed è altrettanto ovvio che vengano vagliate possibili soluzioni.

E mentre ci chiediamo se e quando vedremo SoC Exynos in altri prodotti, si affacciano i primi inevitabili “rumor” su quale sarà il modello destinato al recente otto-core svelato a Las Vegas: in molti lo vorrebbero sul Galaxy S IV, ma non dimentichiamo che gli Exynos 5 quad devono fare ancora il loro debutto e che di certo il GS4 avrà bisogno di volumi ingenti di SoC per sostenere una produzione che punterà al milione di vendite in breve tempo.

Ecco quindi che per l’Exynos 5 Octa si parla del Galaxy Note III, modello atteso più in là nel tempo e le cui vendite saranno comunque teoricamente inferiori a quelle del Galaxy S IV. Unite a questo un display da 6,3” full HD e avrete “un mostro di phablet” targato Samsung per l’anno 2013. O in alternativa, visto quanto detto poco sopra, potrebbe essere ZTE la prima a proporre un simile modello. Entrambe le ipotesi sono in fondo, al momento, solo frutto di fantasia.

Fonte: Fonte
Exynossamsung galaxy note iii