yotaphone (1)

Yota Phone: hands-on col telefono russo dal display posteriore e-ink

Nicola Ligas

La “scarsa innovazione” e lo stato di calma piatta apparente dei quali spesso ci si lamenta sono uno dei motivi per i quali guardiamo con particolare interesse al progetto YotaPhone, uno smartphone con doppio display, tradizionale da un lato, a e-ink sull’altro.

Un prototipo del telefono è presente al CES di Las Vegas, anche se per la verità questo non è il primo hands-on del dispositivo al quale assistiamo. Allo stato attuale lo sviluppo, soprattutto sul fattore design, appare ancora un po’ arretrato, ma la sua particolarità è tale da tenere comunque alta l’attenzione.

Come potrete notare anche dalle immagini a fine articolo, lo smartphone è carente sia di tasti fisici che virtuali, il cui funzionamento è mimato con delle  gesture nella parte inferiore al display stesso. Se ben ricordate, questo è obbligatorio nel pannello a e-ink, che non è tattile, ma a quanto pare è stato esteso anche al lato anteriore, probabilmente per rendere consistente l’esperienza d’uso. Ad esempio, con uno swipe destra-sinistra torneremo alla home, mezzo swipe equivale al pulsante indietro, mentre tenendo premuto porteremo in evidenza il menu multitasking. Come per molte cose si tratta di farci l’abitudine, ma è innegabile che la presenza di tasti veri e propri (fisici o virtuali che sia) renderebbe l’interazione più rapida e intuitiva.

Il vero motivo d’interesse risiede ovviamente nel pannello posteriore da 4,3 ” e-ink, sempre acceso e sempre pronto a mostrarci informazioni di vario tipo, da previsioni meteo, appuntamenti, aggiornamenti dei social network, a ebook, messaggi o anche solo immagini statiche. Potrete usarlo ad esempio per mostrare la mappa di un museo che state visitando, oppure gli ultimi feed del vostro lettore di news, o anche solo un’immagine del fidanzato/a, se volete fare i “ruffiani”. Sarà inoltre rilasciato un SDK atto ad integrare le sue funzioni nelle future app, in modo che anche app di terze parti possano sfruttarne tutti i benefici. Al momento, per la verità, il suo uso non è affatto esente da bug, ma ci sarà tempo per limarli.

Se siete preoccupati per la fragilità del doppio display, sappiate che entrambi sono rivestiti con il nuovo Gorilla Glass 3, il che conferma che comunque non lo vedremo in commercio prima del prossimo autunno, dato che anche il nuovo rivestimento di Corning è atteso nella seconda metà dell’anno.

Per un video a piena risoluzione, vi invitiamo ad ingrandire a tutto schermo quello che trovate qui sotto, seguito da una breve galleria. L’idea vi piace o la giudicate solo un esercizio di stile?

Fonte: Fonte
CESCES 2013video