m7 spec

HTC M7: ecco tutte le presunte caratteristiche tecniche (tasti fisici compresi)

Nicola Ligas

Pochi giorni fa abbiamo riportato che forse il futuro smartphone M7 di HTC non avrebbe avuto i tasti fisici, passando invece a quelli virtuali tipici di Ice Cream Sandwich; oggi è la stessa fonte che inizialmente aveva fornito la notizia a smentire sé stessa, scusandosi, e affermando invece che HTC non cambierà rotta in tal senso: fan della Sense, potete dormire sonni tranquilli, la vostra interfaccia preferita non subirà sconvolgimenti per far posto alla nav bar!

Ma veniamo alla parte più interessante dell’articolo odierno: un riassunto delle presunte specifiche di M7: come vedete dall’immagine in alto, la stessa fonte si riserva dei margini d’incertezza, particolarmente sui tagli di memoria e il sensore della fotocamera. HTC non ha mai lesinato troppo in quanto a memoria interna, ma in fondo non è detto che le varianti a 16, 32, e 64 GB siano disponibili in tutti i mercati: la cosa non stupirà nessuno, perché già accade regolarmente che certe edizioni di uno stesso modello non siano disponibili globalmente, ci farebbe però piacere che oltre alla corsa ad aumentare la diagonale del display, i vari produttori fossero meno avari in termini di spazio di storage (Nexus esclusi, nel senso che ormai quelli sono una causa persa).

Insomma, se i 16 GB erano il minimo sindacale già lo scorso anno, perché non dovremmo passare a 32 GB nel 2013? La memoria, a seconda dei casi, non basta mai e abbiamo già visto come possa essercene sempre più bisogno per svariate ragioni, dalla pessima gestione di certe app (leggi: Google Play Music) ad utilizzi particolari (leggi: Ubuntu for phones in modalità desktop, che richiede almeno 32 GB). Scusate per il piccolo excursus, del quale HTC è meno colpevole di altri, e torniamo a noi.

Le altre specifiche di M7 non riservano sorprese particolari, dato che si tratta in pratica di una versione lievemente più piccola (appena 0,3 pollici) del Butterfly, alimentata da un processore Qualcomm quad-core particolarmente spinto (1,7 GHz contro gli 1,5 tradizionali) e sostenuta da 2 GB di RAM e da un display full HD al quale nessuno vuole più rinunciare per i propri modelli di punta. Buona la batteria da 2.300 mAh, ma si potrebbe anche fare di più (anche questo è un fattore che ci piacerebbe veder crescere di pari passo con la diagonale dello schermo).

Tutto sommato siamo insomma di fronte al tipico top di gamma di inizio 2013, eccezion fatta appunto per il display che non sceglie gli ormai canonici 5”. Vedremo al CES di Las Vegas se M7 sarà in grado di riservarci altre sorprese.

Fonte: Fonte
CESCES 2013