Brood_War

Starcraft: Brood War su Android? Presto, grazie a Winulator

Giuseppe Tripodi -

Correva l’anno 1998 e la Blizzard sfornava uno tra i videogame più venduti e più amati dai videogiocatori di tutto il mondo: Starcraft. Tra i capostipiti degli strategici in tempo reale, vanta un numero infinito di imitazioni ed omaggi: ma quanto sarebbe bello poterlo (ri)giocare come si deve sui nostri tablet Android? Nonostante tutti i titoli simili presenti sul Play Store, ammettiamolo, il fascino del retrogaming e della nostalgia è sempre dietro l’angolo: ma come fare a giocarci con controlli quantomeno usabili?

È qui che entra in gioco Winulator che, a scanso di equivoci, non è un vero e proprio emulatore. Si tratta infatti di un software che, sebbene sfrutti alcune API di Windows, esegue fondamentalmente codice per architetture ARM.
In che modo, quindi, può esserci utile per giocare a Starcraft? Andatelo a chiedere al WCH (Winulator Converter Helper) che è capace di prendere file in formato exe e dll e convertirli per renderli eseguibili su ARM. Tradotto in parole povere e spicciole, con un po’ di dimestichezza si può riuscire ad eseguire giochi per Windows 95-98 su dispositivi Android.

E, sebbene i lavori non siano ancora al completo per Starcraft (anche procedono più che bene, come potete vedere dal video in basso!), sono invece stati ultimati per Caesar III, altro capolavoro strategico degli anni ’90 che potrete comodamente giocare sui vostri tablet, a patto di avere un po’ di pazienza nel seguire la guida per l’installazione.

Winulator è un software ancora in beta, ma è estremamente promettente: lo trovate sul Play Store nella variante gratuita e a pagamento (5,99€): a proposito di quest’ultima, non sembra distanziarsi ancora in nessun modo dalla versione free, ma è probabilmente da considerarsi come un donativo al bravissimo sviluppatore.

Ammettetelo: dopo aver saputo di Winulator, è difficile tenere a bada la salivazione, considerando le infinite potenzialità di un tool del genere. Sperando quindi di saperne di più al più presto possibile, vi lasciamo al video dimostrativo.

Via: Via
video