Snap Camera

Snap Camera: fotocamera, galleria ed editor in un’unica app

Erika Gherardi -

Prendete la fotocamera di Android 4.2 direttamente dal Nexus 4, aggiungetele qualche features interessante e rivisitate un po’ la grafica perché non tradisca il tema originario e la semplicità d’utilizzo. Ecco, avete praticamente ottenuto Snap Camera. Ah, abbiamo dimenticato un particolare piuttosto rilevante: la galleria presa anche in questo caso da Jelly Bean per essere migliorata in ogni suo aspetto.

Ci troveremo così di fronte a due icone diverse una volta installato il software sul terminale: Snap e Snap Camera. Partiamo da quest’ultima, ovvero la vera e propria fotocamera, munita di soli 3 pulsanti: foto, video e flash. E il resto? Un tocco per mettere a fuoco, il pinch to zoom per (ovviamente) zoomare, swype per vedere gli scatti precedenti e pressione prolungata in una parte qualsiasi dello schermo per accedere alle opzioni. Insomma, pochi pulsanti a schermo, ma tutto a portata di mano.

E per gli appassionati di fotografia quali funzioni possono davvero spingere all’acquisto? Beh, diverse, secondo noi:

  • Time lapse
  • Timer per l’autoscatto
  • Modalità scena
  • Modalità Video focus
  • Bilanciamento dell’ISO
  • Effetti base

Sì, base, perché poi potete recuperare le vostre foto con il famoso swype sopracitato e sfruttare l’editor integrato, munito di diversi filtri e della possibilità di tagliare e aggiungere cornici allo scatto.

Poi ovviamente c’è la galleria che sfrutta le medesime funzioni di editing e che assomiglia in tutto e per tutto a quella stock. Stessa semplicità, ma qualche opzione in più.

Trovare un difetto a Snap Camera è davvero difficile e purtroppo se vorrete dedicarvi a questa attività dovrete investire 1,50 € per acquistarla. Il nostro consiglio? Assolutamente un buon investimento.