sony booth

Ancora smartphone al top nel 2013 di Sony: full HD, quad-core, 3 GB di RAM e oltre 3.000 mAh

Nicola Ligas -

Il 2013 sarà definitivamente l’anno che spingerà al limite le dimensioni degli smartphone, sempre più incerti se chiamarsi phablet, mentre i tablet li osserveranno ormai da non molto lontano. Abbiamo già conosciuto Yuga e Odin, i primi top di gamma dell’azienda, ma Sony nel 2012 è stata assai prolifica e altrettanto sembra voglia esserlo per il 2013: sono infatti emerse le prime indiscrezioni su ben altri quattro modelli, che a modo loro sono tutti dei fuoriclasse (e anche per questo siamo un po’ scettici nel complesso)

  • Xperia 4:  display da 4 pollici a 720p (~360ppi), fotocamera da 12 MP, SoC Qualcomm MSM8960T dual-core, 1,5 GB di RAM , 16 GB di memoria interna (con slot microSD), batteria da 1.800 mAh
  • Xperia 5: display da 5 pollici a 1080p, fotocamera da 13 MP, SoC APQ8064 Snapdragon S4, LTE, 2 GB di RAM, 32 GB di memoria interna con slot micro SD e batteria da 2.400 mAh battery.
  • Xperia 5R: come sopra ma con batteria da 2.800mAh, e waterproof IP57

Xperia 5 e 5R assomigliano molto ai già citati Yuga e Odin, mentre il primo è un dispositivo di alto livello ma con display più piccolo (non è chiaro se i 4” si intendano precisi o se possano avere qualche decimale). Fin qui non ci sarebbe quindi niente di troppo strano, ma ora arrivano i fuoricalsse.

Xperia 6: display da 6 pollici a 1080p (~370ppi), fotocamera da 13 MP, SoC APQ8064, LTE, 3 GB di RAM, 32 GB di memoria interna espandibile con micro SD e batteria da 3.500 mAh. E questo non è tutto. I modelli fin qui elencati dovrebbero infatti vedere la luce entro metà dell’anno prossimo, ma Sony penserebbe già al top di gamma di fine anno, con lancio previsto verso ottobre 2013 (come del resto è stato per Xperia T nel 2012). Che ne direste quindi di un altro 5 pollici a 1080p con CPU quad-core Cortex-A15 (non ancora presentata sul mercato), 3 GB di RAM, fotocamera da 16 megapixel e batteria da 3.000 mAh?

Si tratta ovviamente di “rumor selvaggi”, da prendere come tali, quindi con scetticismo. Potessimo esprimere un solo piccolo desiderio, sarebbe di cambiare anche tutte le specifiche ma tenere quelle generose batterie da over 3.000, sia perché display di queste dimensioni ne avranno sicuramente bisogno, sia perché sarebbe davvero il momento che molti più produttori puntassero anche su questo fattore.

E nel 2014 che succederà? La corsa all’ingrandimento dello schermo è ormai destinata a finire, a meno di non voler far diventare dispositivi come il Nexus 7 degli smartphone. Processori e RAM possono crescere quanto volete, ma la loro vera funzione sarà sempre più destinata al gaming, e le fotocamere aumenteranno magari i megapixel ma ciò non vuol dire per forza più qualità. Il solo fattore che potrà sempre migliorare in modo indefinito (e utile) è il software, e quello non sarà solo compito di Google, ma anche delle personalizzazioni che ogni produttore può apportare ad Android: Samsung sembra aver capito lievemente prima di altri che la via del software è importante quanto quella dell’hardware, vedremo cosa ne penseranno i suoi rivali.

Via: ViaFonte: Fonte