smartphone doctor

Google promette un fix per un bug vecchio due anni e mezzo

Nicola Ligas

Probabilmente molti di voi non se ne saranno neanche mai accorti, ma se vi fosse mai capitato di avere a che fare con una rete wireless che specifica il nome di dominio, forse saprete di cosa parliamo. C’è infatti un bug in Android che rende impossibile per il sistema la risoluzione locale di un hostname verso il corretto indirizzo IP, sotto certe condizioni. Peccato che il report di questo bug sia datato aprile 2010.

Shortly: When connected on WiFi to a network which specifies a domain name, hostnames in that domain do not resolve without appending the domain to the hostname.

As background, our university has a wireless network open to students so that the network itself is “open”, not secured, but no traffic past the gateway is allowed prior authentication using a web browser. In particular, if you try to access any web page with a web browser before authentication, you will always be redirected to https://joynet:443/login Only once you have successfully logged in on that page, all network connections work as you’d expect them to normally work.

The problem is that the hostname (in this case “joynet”) cannot be resolved to its IP address. When I do ping to joynet on my laptop, it says it is pinging “joynet.joensuu.fi” [192.168.0.1]. If I do the same on Android phone, using Android Debug Bridge (adb), for “ping joynet” it says it cannot find the hostname. If I do “ping joynet.joensuu.fi”, it pings correctly on 192.168.0.1.

And this brings the problem that since the joynet gateway HTTPS server only shows the login form when hostname “joynet” is used in the HTTP headers, it makes it impossible to use WiFi on such networks because logging in is not possible. (going to https://joynet.joensuu.fi:443/login orhttps://192.168.0.1:443/login simply causes a redirection tohttps://joynet:443/login)

Niente paura però, perché il fix è già pronto e sarà rilasciato nella prossima release di Android:

Signori, è questione di priorità e risorse. Non abbiamo personale da assegnare ad ogni richiesta e di certo non siamo stati a riposarci nel frattempo. Ci scusiamo che ci sia voluto tanto.

Non posso dire quale sarà la prossima versione (né lo so o posso discuterne al riguardo) ma sarà dopo la 4.2, che è già diventata pubblica.

L’errore in sé non sarà probabilmente molto comune, e magari sarebbe bastato un piccolo cambiamento nelle impostazioni del server per risolverlo, ma è sorprendente (non in positivo) che ci sia voluto tanto tempo. Priorità e risorse? Sicuramente. Tante le prime, e poche le seconde, evidentemente. O forse no?

Fonte: Fonte