2012-11-13 10.50.52

Android 4.2 Jelly Bean, la nostra prova (con video su Nexus 7 e Galaxy Nexus)

Lorenzo Quiroli -

Da stamattina Android 4.2 è finalmente realtà, con l’arrivo degli OTA per Galaxy Nexus e Nexus 7, oltre all’inizio della commercializzazione di Nexus 4 e Nexus 10. Vediamo subito le novità di questa nuova versione con a fine articolo anche la nostra consueta videoprova.

Nuova lockscreen con widget

E’ una delle novità più importanti di questa nuova versione e, forse, la più utile; purtroppo il numero di widget che possiamo posizionare sulla lockscreen è per ora limitato a Gmail, Calendario, Messaggi e Orologio, escludendone molti altri che sarebbero stati utili (speriamo in una implementazione futura in tal senso).

Nella schermata a destra troviamo la fotocamera, la cui icona è stata rimossa dall’anello di sblocco, mentre a sinistra potremo personalizzare a nostro piacimento la lockscreen, con anche la possibilità di ridimensionare i vari widget. Trascinando quindi il lucchetto in qualsiasi direzione il dispositivo verrà semplicemente sbloccato

Risulta però un po’ forzata la modalità di personalizzazione direttamente nella schermata di blocco, soprattutto le prime volte, forse sarebbe stato più comodo beneficiare di un apposito menù nelle impostazioni.

Sarà comunque possibile lanciare Google Now direttamente dalla lockscreen, ma non trascinando il lucchetto verso l’alto come prima, ma facendo partire lo stesso movimento dal tasto virtuale circolare, che potete vedere nella foto qui a fianco, sito al centro in basso.

Quick Setting

I Quick Setting sono la caratteristica più attesa di Android 4.2, ma forse vi deluderanno un po’ per la loro particolare implementazione; possono essere raggiunti attraverso un pulsante nella barra delle notifiche o trascinando questa verso il basso con due dita; purtroppo non sono in alcun modo configurabili, e anche il loro funzionamento lascia parecchi dubbi.

Il primo quadrato serve originariamente per il multi-utente, che su smartphone non è presente, e per questo ci mostrerà il nostro contatto se premuto, il che è piuttosto inutile. Va meglio con la luminosità che fa apparire sullo schermo una barra per regolare appunto l’illuminazione; abbiamo poi una scorciatoia per le impostazioni, mentre premendo il pulsante del Wi-Fi verremo reindirizzati al menù delle impostazioni relativo alla connessione wireless, invece di attivarlo o disattivarlo a nostro piacimento; allo stesso modo funziona il Bluetooth, mentre la modalità aereo si attiva proprio come ci aspetteremmo. Infine, abbiamo dei link alle impostazioni relative all’utilizzo dati e alla batteria.

Photosphere e la nuova fotocamera

Ormai conosciamo Photo Sphere, la nuova modalità presente nella fotocamera che effettua panoramiche tridimensionali, e che anche su Galaxy Nexus si comporta bene, anche se ci lascerà aspettare qualche minuto per elaborare l’immagine; molto interessante e comodo anche il nuovo modo di regolare le varie impostazioni nelle foto premendo in qualsiasi punto dello schermo e trascinando il dito, come mostrato qui sotto.

Gmail 4.2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono due le novità principali di Gmail, ormai note da molto tempo; le gesture di swipe, con le quali potremo eliminare o archiviare i nostri messaggi, e finalmente il pinch to zoom, che dovrà essere attivato nelle impostazioni e grazie al quale non avremo più problemi di visualizzazione delle mail in HTML.

L’aggiornamento comunque non dovrebbe essere esclusivo per Android 4.2, poiché probabilmente Google lo rilascerà come update della singola applicazione.

Google Now

Lo stesso discorso di Gmail vale per Google Now, che però al contrario è già stato aggiornato ed è quindi disponibile per tutte le versioni di Android superiori o pari alla 4.1.

Tastiera gesture typing

Lo swype approda nella tastiera stock di Android, e per gli appassionati di questo tipo di input la caratteristica sarà sicuramente apprezzata, anche perché il funzionamento è davvero buono, anche se si è imprecisi. Lentamente la tastiera imparerà cosa tentate di scrivere a seconda dei vari movimenti, e correggerà automaticamente le vostre imperfezioni.

Nulla di rivoluzionario ovviamente (tanto che lo swype è disponibile da molto tempo tramite tastiere di terze parti), ma è bello vedere come Google stia costantemente tentando di migliorare la tastiera predefinita nelle ultime versioni di Android (in particolare con Jelly Bean).

 

 

Daydream

Daydream è una sorta di screensaver, che possiamo decidere di attivare o quando inseriamo il nostro dispositivo nella dock, o durante la carica, o in entrambi i casi; ci vengono fornite varie possibilità di cosa mostrare sullo schermo, che vanno dalle notizie di Google Currents, all’orologio, alle foto (scegliendo quali album mostrare), o all’easter egg di Jelly Bean, per concludere con dei semplici colori che si alternano sullo schermo in maniera abbastanza rilassante.

Non è di certo la novità più attesa o la più utile, ma potrebbe anche essere piacevole rivedere le nostre foto mentre lo smartphone è collegato alla dock, e immaginiamo che farebbe la sua figura su un Nexus 4 è appoggiato sulla sua base di ricarica wireless.

 

 

Sicurezza

Avevamo già sottolineato come in Android 4.2 ci sarebbero state ulteriori misure di sicurezza, e infatti, ripristinando alcune applicazioni con Titanium Backup il nostro smartphone ci ha chiesto il permesso per controllare le applicazioni installate, probabilmente per rilevare la presenza di malware all’interno degli apk che stavamo per installare.

Molto utile per gli utenti meno esperti, mentre potrebbe essere più fastidioso per chi effettivamente sa cosa sta facendo, ma ovviamente l’opzione può essere disabilitata a piacimento nella voce sicurezza del menù impostazioni.

 

Nuovo orologio

Altra novità sicuramente gradita è la nuova applicazione dell’orologio, con una grafica minimale e arricchita di nuove funzioni, come il timer e il cronometro, e la possibilità di visualizzare l’orario di diversi fusi orari.

Inoltre i widget che potremo posizionare sulla homescreen sono due, con quello digitale oltre a quello analogico, anch’esso rivisto graficamente.

Il cronometro può essere usato anche in background, nel menù delle notifiche, tramite il quale possiamo fermarlo, o segnare il tempo sul giro, in modo da prendere più rilevamenti.

E su Nexus 7 (e quindi su tablet)? Le differenze non sono molte, e sono anche ben evidenziate nel video seguente: anzitutto i menu a tendina diventano due, uno sulla sinistra contenente le ordinarie notifiche, e l’altro a destra che mostra invece i nuovi quick setting. Inoltre la gestione dei widget nella lockscreen è lievemente diversa, ma comunque limitata solo ad alcune app made in Mountain View e soprattutto non trae vantaggio delle maggiori dimensioni del display, vincolando sempre l’utilizzo ad un solo widget per schermata.

Questo e altro nella nostra video prova seguente.

Samsung Galaxy Nexus

Samsung Galaxy Nexus

confronta modello

Ultime dal forum:

ASUS Nexus 7

ASUS Nexus 7

confronta modello

Ultime dal forum:

ASUS Nexus 7 (2012)video