pengpod1000

PengPod: tablet dual-booting con Android e Linux a partire da 100$

Nicola Ligas

100 dollari per un assaggio di Android e Linux in dual-boot su un tablet da 7 pollici (ma esiste anche il modello da 10”) sembrano quasi un’offerta da non rifiutare, e questo PengPod 700 potrebbe essere solo una delle tante soluzioni in tal senso che vedremo affiorare nei prossimi mesi. Con il campo dei tablet economici invaso da quell’inquilino scomodo che è il Nexus 7, per continuare a sopravvivere coloro che prima proliferavano nel settore devono un po’ reinventarsi, e col crescente interesse di Canonical verso il segmento mobile, quale miglior modo che riportare in auge i mai troppo popolari sistemi dual-boot?

Uno dei due OS risiede nella memoria interna mentre l’altro sulla scheda SD, ma sarà l’utente stesso a decidere chi sarà installato dove (logicamente quello presente nella memoria propria del dispositivo girerà più velocemente). Da un punto di vista tecnico non aspettatevi comunque meraviglie: si parla di un SoC Allwinner A10 ARM Cortex A8 a 1,2 GHz conGPU MALI 400MP, mentre lato software abbiamo l’interfaccia KDE Plasma Active in ambito Linux ed Ice Cream Sandwich sul versante Android.

PengPod 700 è disponibile per 99$ e vanta un 7” a 800 x 480 con 1 GB di RAM e 8 di storage, più una fotocamera anteriore da 1,3 MP e batteria da 3.300 mAh. PengPod 1000 viene invece quasi il doppio, 185$, e alla comodità del più grande schermo da 10” unisce una risoluzione di 1024 x 600, ma una più piccola fotocamera da 0,3 MP; ovviamente maggiore la batteria, da 6.000 mAh.

È infine disponibile anche PengStick, un mini PC dal costo di 85$ racchiuso nelle dimensioni di una pennina USB, sempre con Linux e Android in dual boot, uscita HDMI e USB OTG, 1 GB di RAM, 4 GB di memoria interna e modulo Wi-Fi.

Lo scopo sarebbe raccimolare 49.000$ entro dicembre, ma i tablet saranno comunque consegnati indipendentemente dalla cifra raggiunta. Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito di Indiegogo e dei PengPod, mentre qui sotto vi lasciamo un paio di video dimostrativi.

Fonte: Fonte
video