01_NianticSymbol

What is the Niantic Project?

Nicola Ligas -

Nel mondo c’è molto di più di quanto si possa vedere, senti che c’è, ma non sei in grado di dire cosa, però qualcosa è…”non al suo posto”. Strani fenomeni, visioni…ci stanno sorvegliando? Ma soprattutto, cos’è il progetto Niantic?

Non è l’inizio di un nuovo Matrix, né quello di un qualche videogame, in realtà si tratta di qualcosa legato a Google e probabilmente anche ad Android, ma ancora non lo sappiamo e probabilmente non lo sapremo fino al 30 novembre. Ma andiamo con ordine, partendo dal sito www.nianticproject.com. Come vedete si tratta di una bacheca in pieno stile cospirazionista, come quella già vista in molti film/telefilm del genere. Ogni giorno si arricchisce di un nuovo elemento, ma forse le cose diventeranno un po’ più chiare dopo che avrete visto il seguente video di benvenuto.

Ce n’è un po’ per tutti i gusti: dai fan di Lost a quelli di Assassin’s Creed, passando per tutta la letteratura fantascientifico/spionistica che volete, ma torniamo un attimo con i piedi per terra e iniziano a ragionare di cose concrete.

Il nome “niantic” potrebbe suonarvi familiare, perché proprio poco tempo fa vi avevamo presentato Field Trip, un’interessante app per Android (disponibile solo negli USA), sviluppata proprio dai NianticLabs@Google. Coincidenza? Difficile crederlo, tanto più che l’app ha a che fare con la realtà aumentata e il video che avete appena visto sembra suggerire qualcosa in tal senso. Ma andiamo avanti.

Sul sito del progetto sono apparsi altri video, uno dei quali riprende in parte quanto mostrato in quello introduttivo, ed incentrato su un misterioso telefono in grado di ricevere chiamate anche senza SIM, e di “guardare la realtà in modo diverso”.

Il legame con il mondo della telefonia (e quindi con Android) sembra insomma assicurato, ma la teoria cospirazionista prende sempre più piede, soprattutto quando l’appartamento del povero ragazzo viene messo sottosopra; ma non vogliamo rovinarvi troppo la sorpresa.

Ovviamente una ricerca su Google ci rivela che “niantic” è il nome di una tribù di nativi americani e anche quello di un veliero, ma al momento sembra difficile associarli a tutto questo. C’è anche chi parla di Google Glass, ma anche quest’ipotesi ci sembra un tantino prematura, vista la sua uscita nel 2014, quindi per il momento rimarremo fedeli alla teoria sulla realtà aumentata, condita con un pizzico di mistero. Per una volta comunque, Google potrebbe essersi lanciato in qualcosa di più ludico, come ad esempio un gioco che richieda di recarsi in luoghi precisi (e ovviamente di usare il proprio smartphone) per ottenere punti o indizi addizionali; lo stesso slogan “join the investigation” sembra adattarsi piuttosto bene a questa ipotesi, non trovate?

Insomma, dobbiamo proprio ammetterlo: grande forma di pubblicità, BigG! E attenzione a non perdervi nelle profondità della tana del bianconiglio.

Fonte: Fonte
Google Glassvideo