pichette

L’influenza di Google su Motorola potrebbe essere più evidente il prossimo anno

Nicola Ligas

Si è parlato spesso del rapporto Google-Motorola (l’ultima volta giusto ieri), ma spesso più in termini speculativi che pratici. Questa volta però a prendere la parola è Patrick Pichette, CEO di Google, e se prestiamo fede alle sue parole, forse il prossimo anno conosceremo una “nuova” Motorola.

Anzitutto Pichette ha sottolineato quanto fatto finora, nei 150 giorni trascorsi dall’acquisizione: Google ha “armonizzato” e redistribuito la linea produttiva di Motorola (ovvero ha abbandonato diversi mercati) e ne ha razionalizzato il software, che in effetti è piuttosto vicino all’esperienza stock di Android, se non fosse per qualche personalizzazione qua e là, soprattutto sul fronte applicazioni.

Pichette ha poi confermato in maniera indiretta che i benefici (ci piace chiamarli così) dell’acquisizione di Motorola si faranno sentire solo col tempo, ricordando ai presenti che il ciclo di vita di un nuovo prodotto richiede tempo, mediamente tra 12 e 18 mesi, il che facendo due conti ci porta almeno a metà del 2013. Solo allora potremo dire se Google avrà messo in qualche modo la sua impronta sulla linea produttiva di Motorola, e per quanto sappiamo che la forza di Android risiede proprio nei molteplici produttori che lo animano, non possiamo negare che una simile eventualità non ci dispiacerebbe. Come declinarla è un compito che non spetta a noi.

Fonte: Fonte