htc-j-butterfly

HTC J Butterfly: il primo phablet Android full HD

Nicola Ligas

Dovessimo fare una critica estemporanea al “re” del settore phablet, il Note di Samsung, sarebbe l’assenza di una risoluzione più elevata, particolarmente nella seconda edizione dello telefono, dove il grande schermo a sua disposizione sarebbe stato reso ancor più bello da una risoluzione full HD. La pensano ovviamente così anche ad HTC, che già da un po’ di tempo i soliti ben informati volevano al lavoro su un phablet da 5” a 1080p: a quanto pare avevano ragione, peccato solo che al momento il dispositivo sia un’esclusiva nipponica.

È stato infatti l’operatore giapponese KDDI a presentare l’HTC J Butterfly (HTL21), il primo smartphone Android 4.1 con display da 5 pollici full HD a ben 440ppi “Super LCD 3”, accoppiato con il sempre più popolare processore Qualcomm APQ8064 quad-core a 1,5 GHz (tanto per capirci, lo stesso di Optimus G/Nexus 4, Xiaomi Mi-Two e Padfone 2) e gli ormai quasi immancabili (almeno su un telefono di ultima generazione) 2 GB di RAM.

“Solo” da 8 megapixel la fotocamera posteriore, in grado di registrare video a 1080p, mentre è da 2,1 megapixel l’obiettivo anteriore. La memoria interna parte da 16 GB ma è espandibile via microSD, mentre constatiamo con piacere anche la presenta di NFC, ed LTE; il tutto alimentato da una batteria da 2.020 mAh (forse si poteva fare un po’ meglio) per un peso di 140g.

Sebbene al momento sia stato presentato solo in Giappone, dov’è atteso per dicembre, il J Butterfly è un dispositivo globale, in grado di funzionare con le reti dei maggiori operatori mondiali, quindi ci aspettiamo una sua più ampia diffusione nel prossimo futuro, ma non siamo certi ce la farà in tempo per le festività natalizie.

Piccola nota a margine: il phablet è anche waterproof (caratteristica molto cara al pubblico nipponico, che quindi potrebbe non essere esportata) con tanto di certificazione IPX5.

Fonte: Fonte
htc j butterfly