afterfocus

AfterFocus, rendi unici i tuoi scatti grazie all’effetto blur

Sara Burresi

Il Play Store non delude per quanto riguarda le app dedicate alla fotografia. Sono numerose le applicazioni votate alla modifica e alla personalizzazione dei vostri scatti, che andranno a migliorare le foto tramite l’applicazione di effetti e filtri. AfterFocus va ad aggiungersi alla schiera di questi software, differenziandosi per il tipo di effetti che mette a disposizione e per la facilità di utilizzo.

Quella che AfterFocus mette a disposizione è la possibilità di creare due livelli nelle nostre foto, con un livello in primo piano e uno in secondo piano sfuocato, nello stile delle fotocamere DSLR.

L’utilizzo è estremamente semplice ed intuitivo. Una volta scattata o caricata una foto, si aprirà una schermata di modifica in cui avrete a disposizione un serie di strumenti per differenziare la parte d’immagine che volete sfocare e quella che volete resti in primo piano. Gli sviluppatori di AfterFocus hanno fatto un lavoro ottimo con il metodo Smart di selezione dell’aerea dell’immagine. Con questo sistema vi basterà tracciare una linea bianca in corrispondenza dell’oggetto principale, e una riga nera sullo sfondo. L’app colorerà di rosso l’area a fuoco. Se sono presenti degli errori potrete facilmente correggerli ripetendo l’operazione su aree sempre più piccole. In alternativa, AfterFocus vi mette a disposizione anche il metodo Manuale, con cui colorare di rosso le aree da avere in primo piano utilizzando le dita.

Una volta terminata la modifica dell’immagine potrete tappare sulla freccia in alto a destra e applicare alla vostra creazione gli effetti desiderati. In questa sezione infatti sono presenti i vari filtri che AfterFocus mette a disposizione, con la possibilità di aumentare o diminuire l’intensità della sfocatura dello sfondo oppure utilizzare il Motion Blur per dare un effetto di movimento all’immagine. Un altro effetto applicabile è il Bokeh, che andrà ad evidenziare dei punti luce sullo sfondo. In AfterFocus infine non mancano filtri da applicare alla foto, come l’effetto Seppia o il Cross Process che, utilizzando l’opzione Color Mask, verranno applicati solo alla zona in primo piano, mentre il resto rimarrà in bianco e nero.

E’ disponibile anche la versione Pro a pagamento, 1,50€, che aggiunge alle già numerose potenzialità della versione free la modalità Take Two. Con questa funzione basterà scattare una foto all’oggetto in primo piano e successivamente scattarne un’altra spostandosi leggermente a destra; se lo sfondo sarà abbastanza lontano e ben definito non avrete bisogno di altro per far riconoscere all’app la parte da sfocare. Oltre a questo, con la versione Pro potrete anche aumentare la grandezza massima delle immagini salvate fino a 2048 pixel.

AfterFocus è un’applicazione ben realizzata e soprattutto semplice da utilizzare per rendere gli scatti, anche dei meno esperti nel campo della fotografia, particolari e unici.

Vi lasciamo con il box per il download della versione free di AfterFocus e con una galleria di immagini dell’utilizzo dell’app su un Sony Xperia S.

[app]com.motionone.afterfocus[/app]

Fotografia