esper machine

Un brevetto di Google consentirà di rimpiazzare le nostre foto con altre migliori

Nicola Ligas

Ci sono articoli nei quali il titolo dice tutto e altri che richiedono un minimo di spiegazione in più: come probabilmente avrete intuito siamo nella seconda categoria. Immaginate di aver scattato una foto a un monumento col vostro smartphone, ma di non essere soddisfatti del risultato o di volere maggiore dettaglio: come potete fare se la fotocamera del vostro modello proprio non riesce a soddisfarvi?

La risposta è contenuta in un nuovo brevetto di Google, che purtroppo non ha realizzato l’ancora avveniristico macchinario di Blade Runner in grado di esaltare ogni fotografia ma che, sfruttando le nostra posizione GPS e l’orientamento del telefono è in grado di fornirci una foto presa da un server in sostituzione della nostra. Che si tratti di scatti da Street View o di altro tipo di immagini, lo scopo è dare all’utente un’immagine affine alla sua ma di qualità superiore, tenendo anche conto dell’orario e della data, in modo da fornire una foto il più possibile fedele all’originale.

Non abbiamo ovviamente indicazioni in merito a quando un’implementazione di questo brevetto sarà (se mai lo sarà) disponibile su Android, ma non sarebbe male come nuova feature per un prossimo Nexus, almeno su uno dei tanti.

Via: ViaFonte: Fonte
brevetti