Migliori app Android gestire smartphone con root

5 tra le migliori app per… gestire il vostro smartphone (con root)

Erika Gherardi -

Settimana scorsa vi abbiamo illustrato come gestire il vostro terminale sfruttando una serie di app che avevano in comune il fatto di non aver bisogno del root per poter funzionare. Ovviamente, nella maggior parte dei casi, un controllo più avanzato dello smartphone richiede questo tipo di permessi, quindi oggi vediamo 5 tra le migliori app Android che secondo noi vi torneranno utili nella gestione del vostro droide ammesso che sia rootato.

Titanium Backup

Sicuramente ne avete sentito parlare e quasi certamente l’avrete anche provato dal momento che è un must have per tutti coloro che cambiano ROM con una certa frequenza. Stiamo parlando del famoso Titanium Backup che permette di fare il backup delle vostre applicazioni ma anche di disinstallarle o congelarle in base alle vostre esigenze. Come i più informati tra voi sapranno, esistono due versioni di questo software: la versione a pagamento è sostanzialmente un unlocker di quella gratuita che al costo di 5 euro consente di sbloccare oltre 30 diverse funzioni tra cui la sincronizzazione con il cloud (Dropbox, Box e Google Drive). Grazie alla sua praticità e velocità è diventata una delle app più usate e scaricate dagli utenti esperti.

Pro: veloce, sicuro, pratico, indispensabile, gratuito

Contro: non particolarmente intuitivo

Google Play Badge

Battery Saver

Parlando di AnTuTu la prima cosa che vi verrà in mente è probabilmente l’applicazione per i benchmark, eppure questo team di sviluppatori ha dato i natali anche ad un’ottima app per il risparmio energetico. Battery Saver vi permette di stabilire come e quando salvare la vostra batteria tramite il menù Setting dopodiché vi basterà tappare sull’icona a forma di Play e lasciare che il software faccia  tutto il necessario per evitare che lo smartphone vi lasci a piedi. Battery Saver è un’app gratuita con cui ci siamo trovati particolarmente bene perché è una delle poche con cui il risparmio è evidente. Consigliatissima.

Pro: efficiente, gratuita, facile da utilizzare

Contro: problemi di riavvio su alcuni smartphone

Google Play Badge

ROM Toolbox Lite

ROM Toolbox è sicuramente uno step oltre rispetto ai software citati poco sopra perché è espressamente dedicata a quelli che tra voi (e noi) che non utilizzano il firmware originale ma che preferiscono utilizzare le custom ROM.  L’app consente di installare e scaricare nuovi firmware, gestire le proprie app, ma anche configurare App2sd o decidere quali app possono avviarsi all’accesione e quali no. Insomma, un software che ne contiene altri 20 e che permette di raggiungere un livello di controllo senza precedenti. Non può mancare sul terminale dei più smanettoni tra voi. Il costo? Nessuno, ma se volete ringraziare lo sviluppatore potete investire 2,44 € in quella Pro.

Pro: gratuita, intuitiva, grafica curata, funzionalità illimitate o quasi, supporto rapidissimo

Contro: qualche problema di crash sporadico su alcuni terminali

Google Play Badge

 

LEGGI ANCHE: Migliori app Android: utility e manutenzione

ES Gestore File

Un utente Android un po’ più avanzato non può non annoverare tra le app necessarie un file manager. Noi ne abbiamo scelto uno che unisce le ottime funzionalità presenti anche su altri software della categoria al fatto di essere completamente gratuito. Tra le caratteristiche più rilevanti troviamo la possibilità di gestire le attività e le app e di salvare i dati nel cloud tramite Dropbox, Google Drive, SkyDrive, Box, Sugarsync, Yandex e Amazon S3. Se non avete mai avuto a che fare con un file manager e non sapete dove sbattere la testa, ES Gestore File è sicuramente la scelta migliore.

Pro: gratuito, rapido, buona integrazione con il cloud, grafica minimale

Contro: occasionali problemi con i servizi di storage online

Google Play Badge

Battery Calibration

Se cambiate spesso ROM saprete sicuramente che una delle cose fondamentali da fare è il wipe delle statistiche della batteria per evitare che ci siano problemi di calibrazione. Naturalmente quest’operazione non è fattibile soltanto utilizzando una recovery, ma anche sfruttando apposite applicazioni che cancellano il file con le statistiche della batteria permettendo la creazione di un nuovo batterystats.bin. Il funzionamento è banale: aspettate che la batteria sia completamente carica e poi tappate su Battery Calibration. Difetti? Uno: considerando che fa una ed una sola funziona ci si aspetterebbe un minimo di attenzione in più all’interfaccia.

Pro: gratuito, sempre utile, facilissimo da utilizzare

Contro: grafica scadente

Google Play Badge