Migliori app Android per gestire lo smartphone

5 tra le migliori app per… gestire il vostro smartphone (senza root)

Erika Gherardi -

Vi abbiamo proposto un po’ di tutto nel corso di questa rubrica: app per la musica, per viaggiare, per cucinare, per organizzarvi. Insomma, praticamente tutto per poter rendere lo smartphone uno strumento utile. Quello che ci manca però è consigliarvi applicazioni che vi permettano di gestire il vostro prezioso terminale. Oggi vi proponiamo 5 tra le migliori app Android che non richiedono il root per essere utilizzate.

ASTRO File Manager

Partiamo con una cosa basilare, una di quelle che non può mancare su uno smartphone Android: un file manager. La nostra scelta è naturalmente ricaduta su uno dei più famosi, Astro, che si distingue per la semplicità di utilizzo, la completezza e soprattutto per la presenza del modulo aggiuntivo dedicato al Bluetooth per trasferire qualsiasi tipo di file con comodità. Non manca poi una grafica assolutamente piacevole che gli permette di distinguersi dai concorrenti che spesso ignorano completamente l’interfaccia. Il prezzo? ASTRO è un’app assolutamente gratuita, a meno che non vogliate rimuovere la comunque poco invasiva pubblicità comprando l‘apposita chiave al costo di 3,99€.

Pro: gratuito, semplice, completa, intuitiva, buona interfaccia

Contro: alcuni utenti lamentano crash dopo l’ultimo aggiornamento

Google Play Badge

Light Flow Lite

Di questa applicazione vi innamorerete per due motivi: l’interfaccia curata nei minimi dettagli e ovviamente le possibilità che vi apre nel campo della personalizzazione del vostro smartphone. A cosa serve è presto detto: Light Flow permette di controllare le vostre notifiche in ogni singola parte. Possiamo abilitare e disabilitare le singole notifiche, scegliere il colore, la durata e la velocità del led, il tipo e il volume dell’audio e naturalmente la modalità di vibrazione. Insomma, tutto quello che volete e anche di più considerando che potete mettere mano alle notifiche di oltre 250 applicazioni ed eventi di sistema.

Pro: gratuita, interfaccia curata, personalizzazione completa, widget

Contro: problemi di compatibilità con Jelly Bean

Google Play Badge

AirDroid

AirDroid è una di quelle applicazioni che crea dipendenza in ogni smanettone (e pigrone) che si rispetti grazie alla possibilità di gestire il telefono direttamente dal browser sfruttando il collegamento wifi. L’app vi permetterà di inviare sms, gestire file,  installare e disinstallare software, prendere appunti, gestire suonerie e ascoltare musica. Tutto ciò in sicurezza e stando comodamente seduti davanti al vostro computer. L’app sarebbe perfetta se aggiungessero anche il supporto alle notifiche ma non si può avere tutto dalla vita e ogni tanto alzarsi per andare a recuperare lo smartphone in un’altra stanza fa bene.

Pro: gratuito, estremamente semplice e comodo, ottima grafica

Contro: non supporta le notifiche

Google Play Badge

 

LEGGI ANCHE: Migliori app Android: Utility e Manutenzione

GreenPower

Il problema della scarsa durata della batteria è universalmente noto: il terminale fa tutto ma se sfruttato troppo non arriva neanche a fine a giornata. Un dramma. Per risolvere questa seccatura sono nate applicazioni di ogni tipo che promettono grandi risparmi di energia, anche se non sempre le aspettative vengono attese.  Un software che ci ha dato particolare soddisfazione è GreenPower: semplice da usare, efficiente e capace di mantenere le promesse che fa. L’app è disponibile in due versioni, gratuita e a pagamento, che si differenziano per alcune funzioni sbloccabili soltanto dopo aver investito quasi 3 euro nella versione Premium ossia il supporto al bluetooth, la modalità notte, la whitelist per le app e il widget. Se volete ottenere il massimo da questa app l’acquisto è praticamente obbligatorio.

Pro: due versioni in base alle differenti esigenze, facile da usare, molto efficiente

Contro: i risultati variano da smartphone a smartphone

Google Play Badge

3G Watchdog

Diciamocelo: gli operatori italiani non brillano per generosità quando si tratta di definire le tariffe per gli smartphone. Quando poi dovete rimanere entro “pochi” Mb al mese diventa necessario tenere sotto controllo ogni singolo scambio dati per evitare di arrivare alla fine dei 30 giorni senza niente. Un buon modo per monitorare il proprio traffico è utilizzare 3G Watchdog, disponibile sia in versione gratuita che a pagamento. Il divario di funzionalità (e persino di grafica) tra le due app vi obbliga praticamente ad acquistarla nel caso siate fanatici del controllo così avrete grafici e dettagli a non finire.

Pro: ottimo controllo sul proprio traffico, facile da utilizzare, widget

Contro: il divario tra le due versioni è enorme

Google Play Badge