apple money

Apple voleva 30$ per ogni smartphone e 40$ per ogni tablet da Samsung

Nicola Ligas -

Il processo Apple Vs Samsung sta regalando un gran numero di indiscrezioni sulle due aziende, dalla genesi di iPhone alla “invidia” di Samsung, ma lasciando da parte brevetti e design, il motore di tutto è sempre lui: il vile denaro. Quanto sono alte dunque le pretese della mela nei confronti del rivale?

Apple avrebbe infatti tentato nel 2010 di vendere le licenze sui propri brevetti a Samsung, ma la casa coreana avrebbe fatto orecchie da mercante, e forse oggi iniziamo a capire come mai: gli uomini di Cupertino volevano infatti fino a 30 dollari per ogni telefono  (inclusi Android, Windows, Symbian, e Bada) e 40 per ogni tablet (che sarebbero scesi a 30 dopo due anni), offerta che “Samsung avrebbe dovuto accogliere positivamente”.

La proposta includeva anche dei possibili sconti, basati su una serie di fattori. Come esempio è stato preso il  Blackjack II, un vecchio dispositivo con Windows Mobile, che avrebbe giovato di uno scontro del 20% sul form factor della tastiera QWERTY, di un ulteriore 40% sui brevetti Apple che Microsoft aveva in licenza per Windows Mobile, e di un accordo di cross-licensing per gli stessi brevetti Samsung che avrebbe prodotto un altro 20% di sconto: in totale il Blacjack II avrebbe potuto essere scontato ben dell’80%!

Nello stupirci del perché un simile accordo non sia stato ratificato, lasciamo ai più curiosi i documenti relativi alla proposta del 2010, nei quali viene evidenziato come Apple ritenga Samsung un “partner chiave”, ma “avrebbe preferito che fosse stata Samsung a chiedere una licenza anticipatamente”.

Apple’s August 2010 presentation to Samsung on iPhone patents

Fonte: Fonte
Applebrevetti