Xplay

Xplay: un ottimo music player gratuito

Erika Gherardi

Un tipo di applicazione in cui ci imbattiamo spesso è il player musicale: ce ne sono gratis, a pagamento, con la grafica minimale o ipercurata, con la possibilità di leggere testi, con equalizzatori potenti oppure semplici e alla portata di tutti. Insomma, una quantità imbarazzante che si traduce però in una certa varietà, così tutti riescono a trovare il lettore che più si adatta ai propri gusti. In mezzo a tutti queste alternative ne abbiamo trovata una che ci è piaciuta particolarmente: Xplay.

I motivi per cui questo player ci è piaciuto sono davvero tanti, ma potremmo sintetizzarli in tre punti principali: grafica, widget per la lockscreen e impostazioni avanzate.

Partiamo dalla prima, ossia dall’interfaccia. Minimale, senza eccessivi effetti ma indubbiamente d’impatto, intuitiva e comoda da utilizzare. L’ottima grafica la ritroviamo poi nel widget per la lockscreen, probabilmente il più bello tra quelli che abbiamo visto negli ultimi tempi dal momento che visualizza titolo, album, autore, controlli comprensivi di avanzamento dl brano, riproduzione casuale e ripetizione, ma anche orario e data. L’unica cosa che abbiamo poco apprezzato è lo sblocco, il classico slide to unlock che però procede da destra verso sinistra.

Ci rimangono infine le impostazioni divise in:

  • La configurazione di base
  • Interfaccia
  • Navigazione ed elenchi
  • Blocca schermo
  • Cuffia
  • Altre Opzioni

Come potete notare, la quantità è davvero superiore alla media e ci permetterà di personalizzare praticamente tutto, partendo dall’autoplay fino ad arrivare all’utilizzo dei tasti del volume per passare da un brano all’altro, passando per le informazioni da visualizzare (compreso il bitrate) e il comportamento all’inserimento del jack delle cuffie. Insomma non manca niente.

Oltre a queste tre cose che ci hanno colpito positivamente troviamo naturalmente altre interessanti funzioni, come ad esempio l‘equalizzatore, utilizzabile sia manualmente che automaticamente tramite la selezione dello stile che preferiamo, oppure gli effetti (virtualizer e bass bust). Non mancano poi le playlist, la ricerca, la possibilità di impostare una canzone come suoneria e quella di visualizzare la propria “biblioteca”.

Xplay music player è disponibile sia in versione gratuita che a pagamento; la differenza sta nel fatto che la prima contiene gli ads mentre la seconda ne è priva. In realtà la pubblicità è poco invasiva e non ci ha mai dato noia, quindi se decidete di investire 2,42€ nella versione Paid consideratelo più che altro un incentivo per lo sviluppatore o un premio per l’ottimo lavoro svolto.

[app]com.kane.xplay.activities[/app]