slices

Slices: un nuovo modo di usare Twitter

Erika Gherardi

In un mondo di client Twitter più o meno tutti uguali ogni tanto arriva qualcosa che prova a scuotere un po’ il mercato introducendo qualche novità che, nell’intento dello sviluppatore, dovrebbe portare a vivere il social network dei 140 caratteri in modo differente. Stiamo parlando di OneLouder Apps e della sua nuova applicazione: Slices for Twitter.

Slices è la classica applicazione che vi farà esclamare: wow! I motivi sono semplici: l’idea è originale e la grafica è davvero curata. Purtroppo per OneLouder Apps questo non basta a far salire la loro nuova creazione nell’Olimpo delle applicazioni e il motivo ve lo spieghiamo subito.

La differenza fondamentale con un client classico riguarda la possibilità di creare appunto degli slices per dividere i vostri following in sottocategorie in modo da renderle facilmente consultabili e magari accorpare account che parlano più o meno delle stesse cose. Suona famigliare? Anche a noi. Tutto questo ricorda le già presenti, e spesso poco usate, liste, per cui fondamentalmente gli sviluppatori hanno cambiato nome ad una funzione che già esisteva. Un merito però dobbiamo darglielo: il fatto di avere sulla sinistra i nostri slices, facilmente accessibili a differenza delle liste che spesso si perdono e si dimenticano, rende la funzione molto più utile e sfruttabile rispetto al passato.

Naturalmente Slices prevede anche le classiche colonne per la timeline, le mentions e i messaggi diretti che però mancano di intuitività. Facciamo un esempio. Se aprite Twitter per Android, l’app ufficiale, per spostarvi tra queste tre schede vi basta tappare sull’icona in alto. Semplice e veloce. Se in Slices siete su Timeline e volete passare ai DM, il tap sull’icona aprirà una specie di scomodissimo pop up, mentre per visualizzare tutto in modo classico dovremmo aprire la barra laterale contenente gli slices e scegliere Messages. Insomma, gli sviluppatori si sono scordati di fare un’app che fosse soprattutto comoda ed intuitiva.

Messe da parte queste critiche, Slices rimane comunque un’applicazione da provare e un inizio per lo sviluppo di software capaci di sfruttare a pieno le potenzialità di Twitter. Inoltre riconosciamo all’app il merito di aver introdotto la funzione Explore per trovare nuove persone da seguire con i vostri stessi interessi, senza contare l’ottima grafica in pieno stile Holo che segna finalmente una svolta rispetto a quella ormai antiquata di TweetCaster. Insomma, forse non è esattamente quello che ci aspettavamo e le migliorie da fare sono parecchie, soprattutto per raggiungere la fluidità e l’intuitività che i Twitter-addicted si aspettano, ma l’idea alla base è sicuramente interessante e l’app si usa con piacere.

[app]com.onelouder.tweetvision[/app]

twitter