nexus_tablet

Il Nexus tablet è come lo volevate?

Nicola Ligas

Le notizie emerse poche ore fa sembrano delineare in maniera piuttosto completa il profilo del tanto atteso Nexus Tablet e, a meno di smentite dell’ultima ora, ormai sappiamo quali saranno le caratteristiche della prima tavoletta di Google. Tra le tante specifiche spiccano però anche alcune “assenze”, che in parte hanno diviso l’opinione pubblica.

Rivediamo appunto come ci aspettiamo che sia il Nexus 7:

  • Display IPS da 7 pollici con risoluzione 1280 x 800
  • Android 4.1 Jelly Bean
  • CPU 1.3 GHz Quad-Core Tegra 3
  • 1 GB RAM
  • 8 GB / 16 GB Memoria interna (assente slot microSD)
  • Fotocamera frontale da 1,2 megapixel (assente fotocamera posteriore)
  • Autonomia di 8 ore
  • Wi-Fi a/b/g/n (assente modulo 3G)
  • NFC

Come vedete abbiamo evidenziato quelle che sono le mancanze più discusse, che analizzeremo rapidamente qui di seguito.

Slot microSD

Il modello da 16 GB offre tutto sommato una discreta capienza per app, MP3, e qualche gioco, certo non diventerà facilmente un deposito per film in alta risoluzione, e il discorso diventa ovviamente ancor più valido per il modello da 8 GB. In ogni caso se la mancanza dell’espansione di memoria sarà o meno un male è un fattore assai soggettivo, fortemente condizionato dall’uso che ciascuno farà del tablet. In linea di massima però almeno la presenza di uno slot microSD sarebbe stata una cosa gradita, anche da chi magari non la sfrutterà in prima battuta, soprattutto in un’ottica di lungo periodo.

Fotocamera posteriore

Ad essere penalizzate dalla sua assenza non sono solo le foto che non potremo scattare (sulla cui quantità sinceramente nutriamo qualche dubbio) ma anche le app di realtà aumentata, lettura codici a barre e tutte quelle che sfruttano la fotocamera per fornire contenuti. Trattandosi però di funzioni da utilizzare in mobilità e mancando anche il modulo 3G è chiaro che nella mente di Google è il nostro smartphone che dovrà sopperire alla mancanza, e sinceramente non ci sentiamo di dargli troppo torto. Specialmente considerando che l’assenza dell’ottica posteriore è servita a contenere il prezzo, in fondo non la vediamo come una rinuncia clamorosa.

Rete mobile

In linea di principio anche questa caratteristica non ci sembra indispensabile, considerando che difficilmente il tablet è inteso come il dispositivo da portarsi dietro tutto il giorno, tutti i giorni (che in teoria si chiama smartphone): con un suo uso limitato per lo più a casa/ufficio/lavoro la presenza di una rete Wi-Fi la diamo praticamente per scontata (e per le emergenze c’è sempre il tethering). È ovvio comunque che le esigenze personali di ciascuno abbiano l’ultima parola, inoltre la presenza del modulo NFC ma senza rete mobile lo rende utile giusto per cose come i cambi di profilo tramite tag o lo scambio dati, e dire che per noi quelle erano funzioni secondarie.

[poll id=”49″]