wi-fi-zone

Google acquista dei brevetti per migliorare l’efficienza delle reti wireless

Nicola Ligas

Google è sempre più attento a rinforzare il proprio portafoglio brevetti, ma in questo senso difficilmente potrà fare meglio che con l’acquisizione di Motorola; quelli di cui parliamo oggi sono infatti dei brevetti che non necessariamente sono stati comprati a scopo cautelativo, ma piuttosto per migliorare i propri servizi.

Google si è infatti recato per acquisti da Magnolia Broadband, facendo suoi tutta una serie di brevetti che coprono vari campi, dalla massimizzazione della capacità della rete, a tecnologie per una migliore risparmio energetico, senza per questo alterare la vendita dei prodotti Magnolia, di alcuni dei quali BigG possiederà però tecnologie e diritti.

Questo portfolio di brevetti è derivato da oltre un decennio di ricerche, sviluppo e testing, e riguarda metodi per aumentare l’utilizzo dello spettro (ovvero aumentare la capacità della rete), espanderne la copertura, e migliorare la velocità di invio dati e l’autonomia.

Così la stessa Magnolia descrive il proprio operato ed è inutile sottolineare che speriamo il loro lavoro possa venire a vantaggio di tutto il mondo Android, anche se non è certo scontato che Google lo usi solo per quello (qualcuno ha detto Project Glass?).

Fonte: Fonte
brevetti