zshview007

Hands-on del tablet ViewSonic da 22 pollici

Nicola Ligas

Chiamarlo tablet è probabilmente riduttivo, così come definirlo un desktop all-in-one è un po’ pretenzioso; nell’attesa di capire bene come dovremmo rivolgerci al ViewSonic VCD 22 una cosa è ben chiara: lo voglio! Cioè, lo vorremmo tanto provare personalmente per dirvi le nostre impressioni.

Iniziamo dunque dal pannello da 22” a 1920 x 1080, che indubbiamente cattura lo sguardo, soprattutto di un conoscitore del mondo Android, che scorgerà Ice Cream Sandwich sullo sfondo, animato da un processore Texas Instruments 4428 dual-core ARM Cortex-A9 a 1 GHz con 1 GB di RAM, mentre la memoria interna è di soli 8 GB ma espandibile via microSD (fina 32 GB). Segnaliamo anche la presenza di una fotocamera (ovviamente anteriore) da 1,2 megapixel. Ovviamente di buon livello la connettività, con Wi-Fi b/g/n, Bluetooth (solo 2.1), micro HDMI, 3 USB, e una porta RJ-45 per la rete cablata.

Il sistema in mostra al Computex appare fluido e scorrevole, senza impuntamenti di rilievo durante lo swipe da una schermata all’altra o nell’esecuzione delle app, inoltre lo schermo ha un buon angolo di visuale nonostante non sia un IPS.

L’ovvia domanda è: a chi serve? In teoria le applicazioni possono essere molteplici, ad esempio a scopo educativo o per uso familiare (alcune delle app presenti erano proprio dirette a bambini e famiglie) e in linea di massima io di sicuro ne vorrei uno. Cioè, noi lo vorremmo tanto provare personalmente per dirvi le nostre impressioni; invece dovremo accontentarci di quelle dei colleghi di Engadget.

Fonte: Fonte
computexComputex 2012video