inline-Inside-Google-Xs-Project-Glass-Part-I

Passato e futuro di Google Glass

Nicola Ligas

Per essere un progetto ancora lontano dalla conclusione i Google Glass hanno già calamitato su di sé molta attenzione, forse basata più su visionari sogni di futuristici occhiali piuttosto che su ciò che finora sappiamo. Ma quando è nata l’idea che ha portato alla loro realizzazione? E cosa di preciso saranno?

Ce lo racconta in parte Steve Lee, che vedete ritratto in alto proprio con un paio degli agognati occhiali, il quale durante un’intervista a Fast Company ha confermato che i primi prototipi erano assai più voluminosi (con tanto di laptop nello zaino) e che anche quelli attuali non sono certo il modello definitivo, anche se non si limitano solo a catturare immagini (che rimane comunque una delle caratteristiche principali), ma per esempio possono utilizzare Maps, sebbene non sappiamo in che modo.

Lee ha inoltre smentito le voci sul prezzo compreso tra 250 e 600 dollari e la disponibilità entro l’anno, ma in fondo questo l’aveva già in parte svelato Sergey Brin, aggiungendo però che “non sarei in questo progetto se si trattasse di uno sforzo quinquennale“.

Riguardo al futuro il loquace googler si sbilancia al punto di parlare di lenti a contatto con questa tecnologia come naturale evoluzione del progetto, ma ovviamente stiamo parlando di cose a lungo termine (aggiungeremmo “lunghissimo” per scetticismo).  L’obiettivo più immediato rimane comunque rendere Google Glass un “dispositivo universale“, grazie anche ai “molti differenti prototipi per soddisfare tutti i gusti della gente”.

E questo sembra sia solo l’inizio, perché il resto dell’intervista sarà divulgato tra qualche giorno e chissà che non porti con sé altre novità.

Fonte: Fonte
Google Glass