Wake-Up-650x354

Samsung nega di avere a che fare con la protesta anti Apple in Australia

Nicola Ligas

Ricorderete senz’altro la schiera di persone di nero vestite che ieri al grido di Svegliatevi! hanno inneggiato contro un Apple Store di Sydney: il dito di tutti è stato subito puntato contro Samsung, anche in seguito al video in cui gli utenti della mela venivano accostati a un branco di pecore (o dovremmo dire di iSheep), ma l’azienda ha negato con fermezza.

Samsung Electronics Australia non ha niente a che fare con la campagna ‘Wake-Up’.

Risposta breve e lapidaria, che però ancora non spiega la relazione tra il flash-mob e la data del 3 maggio a cui punta il countdown sull’omonimo sito.

 Tra l’altro, volendo leggere la dichiarazione in maniera maliziosa, viene negato il coinvolgimento di Samsung Australia, ma ciò non implica che possa esservi coinvolta, per esempio, Samsung Nuova Zelanda, tanto per dirne una.

Insomma, la domanda è chiara: dobbiamo crederci o no?

Fonte: Fonte
Apple