Google Drive logo

Google Drive: scopriamo il servizio, l’interfaccia web e l’applicazione per PC/Mac

Emanuele Cisotti

E alla fine Google Drive è arrivato, anticipata di qualche minuto dalla versione Android, anche la versione web nuda e cruda si è svelata per i nostri occhi. Come già largamente anticipato si tratta di una versione “rivista” di Google Documents, ma vediamo insieme cosa abbiamo tra le mani.

Google Drive per tutti

L’aggiornamento di Google Drive, con i primi 5 GB grautiti, è disponibile per tutti quelli che faranno accesso al sito drive.google.com a partire da adesso. L’aggiornamento non comporta nessuna perdita dei vostri dati Documents. Anzi, i motivi per passare sono davvero tanti.

Le novità di Google Drive

 

La versione web di Google Drive non si discosta molto da Google Documents, mantenendo intatta anche l’interfaccia che non subisce significativi cambiamenti (che però ammettiamo di aspettarci nei prossimi mesi). Sarà possibile caricare i nostri documenti Office e non solo tramite la solita interfaccia a cui eravamo già abituati. La reale novità, che sicuramente avete già colto è la possibilità di fare l’upload di qualsiasi altro file voi vogliate, immagini, video, file compressi, file grafici di qualsiasi sorta. Non si fa mensione ai file musicali, probabilmente per distinguere il servizio da Google Music. Niente vi vieterà comunque di caricarli sul vostro spazio.

Risulterà sicuramente comoda a molti la possibilità di convidere i file con altri utenti del servizio e sopratutto di poterli inviare come allegati in GMail, senza snervanti attese e semplicemente sotto forma di link.

Le applicazioni web

La realtà novità, che prima di oggi in pochi si aspettavano, è la completa integrazione con le applicazioni del Chrome Web Store. Questo significa che se avrete caricato un file di Photoshop e un’applicazione per Chrome che avete installato sarà capace di aprirlo, l’integrazione sarà immediata. Come potete immaginare il servizio taglia fuori gli altri browser e strizza l’occhio in modo poco velato a Chrome OS, che attendeva questa possibilità da ancora prima della sua nascita.

L’applicazione per PC / Mac

Già disponibile è poi l’applicazione per il vostro computer di casa, PC o Mac che sia (niente linux… cof cof…). Una volta avviata vi verrà chiesto di fare il login con i dati Google e a quel punto l’icona andrà a piazzarsi nella vostra barra di sistema. Sì, proprio a fianco di quella di Dropbox. Il funzionamento è del tutto identico a quello della scatola blu. Verrà creata una cartella personale in cui i documenti caricati al loro interno saranno istantaneamente sincronizzati con Google Drive. La principale novità la troviamo nella sincronizzazione dei documenti di Google Documents: i file avranno estensione .gsheet e .gdoc e saranno aperti proprio con il sito web di editing di Google (utilizzando il vostro browser predefinito, anche non Chrome).

L’applicazione per Android

Vi rimandiamo al nostro articolo completo.

Sempre più spazio

Come largamente annunciato, lo spazio disponibile è inizialmente di 5 GB, che possono essere aumentati a pagamento a tariffe abbastanza concorrenziali. Si parla di 2,49$/mese (1,88€ al cambio attuale) per 25 GB di spazio al mese (in ommagio altri 25 GB per GMail), oppure a 4,99$/mese per 100 GB (3,77€ al cambio attuale, sempre con i 25 GB per GMail in omaggio).

video