mycolorscreen

Mycolorscreen: un’immensa fonte d’ispirazione per le nostre homescreen

Nicola Ligas -

Avere a disposizione uno strumento potente non significa saperlo sfruttare: questa banalissima regola vale pressoché in qualunque campo, anche in un aspetto molto comune come la personalizzazione del proprio Android. Se pensate infatti di essere degli “artisti della homescreen”, provate a dare un’occhiata a MyColorScreen e forse vi ricrederete. (oppure contribuirete a popolarlo ulteriormente, il che è un bene in ogni caso.)

Che Android sia il sistema operativo mobile più personalizzabile al mondo è ormai un dato di fatto, ma un conto è saperlo, un altro è saper sfruttare tale possibilità al massimo livello.

Esistono molti siti “di ispirazione” per grafici e designer, MyColorScreen vuole in pratica essere la stessa cosa per chi possiede un dispositivo Android (o iOS, ma sinceramente non c’è nemmeno confronto tra la quantità di riferimenti tra i due, tanto che, anche senza usare filtri, vi imbatterete quasi sicuramente in un tema per Android).

La navigazione è semplicissima e avviene tramite delle semplici preview catalogate in base a popolarità o numero di visualizzazioni, senza dimenticare l’immancabile “screen of the day“: per ogni tema poi un pratico box ci illustrerà i programmi utilizzati per ottenere quel risultato, con l’indicazione del loro prezzo e il link diretto al Play Store per il download.

In homepage troviamo invece tre pratiche sezioni: Apps for fun, che elenca le applicazioni più utilizzate (se volete scaricarle premete direttamente sul nome, il pulsante download non sembra molto responsivo); Wallpapers for grab, che come suggerisce il nome vi mette a disposizione i migliori sfondi; e Who To Follow, che suggerisce gli utenti migliori da seguire, dato che non manca nemmeno la componente social network.

Potremmo descrivervi il sito ancora a lungo ma sarebbe una perdita di tempo, molto meglio dargli un’occhiata personalmente e fateci sapere se anche voi avete contribuito e quali sono i vostri temi preferiti.

Fonte: Fonte