Bluestacks rootato per installare il Play Store

Vi ricordate di Bluestacks, il software Windows per emulare le applicazioni Android recentemente entrato nella fase beta? Siamo sicuri di sì, così come siamo altrettanto certi che anche voi vi sarete domandati come mai ancora nessuno ci avesse messo mano per ottenere i permessi di root e “divertirsi” un po’.
Ovviamente, l’attesa non sarebbe durata in eterno e adesso è possibile “smanettare” anche con Bluestacks, installandoci addirittura il PlayStore.

Scontato a dirlo, le procedure su come ottenere i diritti di superuser e come far funzionare il Play Store vengono dal forum di XDA: c’è da segnalare, però, che sono tutt’altro che semplici.

Niente di impossibile, sia chiaro, ma c’è da lavorarci un po’: per ottenere il root, infatti, dopo aver scaricato dei file c’è da giocare un bel po’ con le chiavi di registro e, successivamente, bisogna usare ADB per terminare la procedura.

Trovate in questo topic la guida completa su come fare.

Per quanto riguarda il PlayStore, invece, la procedura per l’installazione è leggermente più semplice, ma la condizione necessaria e sufficiente è avere già i permessi di root.
Per poter scaricare tutte le applicazioni dal market ufficiale di Google, basterà “solo” inserire nella giusta cartella i file vending.apk e googleservicesframework.apk e fornirgli i permessi di scrittura.

Anche in questo caso, però, vi rimandiamo al thread di XDA per scoprire nel dettaglio tutti i passaggi necessari.

Se utilizzavate già Bluestacks e avevate sentito la necessità dei permessi di root, adesso è giunto il momento di darsi da fare: se decidete, quindi, di provare a seguire le due guide fateci sapere nei commenti se tutto è andato bene o se avete incontrato qualche difficoltà!

FONTE FONTE