Feedly: la vostra rivista personalizzata

Su Android uno degli aggregatori di feed rss per eccellenza, quello a cui siamo più affezionati, è Pulse News: completo, veloce e dalla grafica immediata. Tuttavia non è l’unica app nel suo genere, anzi ultimamente stanno spuntando nel Play Store diversi software interessanti che minacciano la supremazia di Pulse. Uno di questi è Feedly.

Tra Pulse e Feedly, dal punto di vista dell‘interfaccia, c’è ancora un abisso: mentre il primo è di un’intuitività quasi imbarazzante, il secondo risulta un po’ macchinoso sia nell’aggiunta che nella consultazione dei feed, anche se il risultato grafico è sicuramente d’impatto e in linea con lo slogan del software, “Your personalized magazine“ . Tuttavia a noi l’app del Feedly Team non è dispiaciuta, anzi sotto alcuni aspetti è risultato essere migliore rispetto al suo famoso avversario.

Partiamo ovviamente dall’esperienza dell’utente in relazioni agli aspetti che abbiamo indicato sopra. Dopo aver scarico l’applicazione ed aver superato la veloce introduzione che ne spiega il funzionamento (almeno in teoria), i primi feed in cui ci imbattiamo non sono i nostri e già questo a noi non è piaciuto particolarmente; si tratta di quel gruppo chiamata Essentials, ossia quelli che l’app ritiene fondamentali per voi una volta selezionata la lingua di riferimento nelle impostazioni. Questo sicuramente è un punto a sfavore, tant’è che la prima cosa che abbiamo fatto è stata rimuoverli. A questo punto ovviamente volevamo aggiungere i nostri, operazione facilmente eseguibile grazie alla sincronizzazione con l’account Google Reader; se l’aggiunta dovete farla manualmente ci vorrà sicuramente un po’ più di tempo, ma la ricerca tutto sommato funziona bene quindi non dovreste riscontrare problemi.

Dal punto di vista della leggibilità però dobbiamo riconoscere a Feedly diversi meriti. Prima di tutto legge quasi di tutto, al contrario di Pulse che a volte ci ha dato banali errori anche solo con gli elenchi puntati; in secondo luogo l’app permette di vedere i video presenti nei post senza rallentamenti e soprattutto senza dover ricorrere ad altre app. Il risultato è una lettura comoda e piacevole. Unica pecca riguarda i temi, nero e bianco, che dobbiamo cambiare tramite il menu; certo non è un grande sforzo ma per chi è abituato alla possibilità di scegliere il cambiamento automatico in base alle condizioni di luce di Pulse potrebbe risultare un po’ scomodo all’inizio.

Google Reader poi non è l’unico servizio con cui Feedly si integra perfettamente, infatti abbiamo anche Tumblr, Twitter, Facebook, Read it Later and Instapaper. Insomma, tutto quello che vi serve per rimanere aggiornati sempre e ovunque tramite un singolo software.

Noi ovviamente vi consigliamo di provarlo perché è un ottimo aggregatore, dalla grafica curata e pieno di funzioni interessanti. E poi è gratis.