musiXmatch: ecco il nuovo player

Erika Gherardi

MusiXmatch ve l’avevamo descritto poche settimane fa e vi avevamo anche detto che era disponibile in due versioni: con e senza player. Beh, neanche il tempo di adattarci alla versione che vecchia ed ecco uscire un’app completamente rinnovata che integra all’ottima ricerca dei testi anche un nuovissimo player musicale.

Niente più doppia versione di MusiXmatch insomma. Quella nuova è una sola e completissima: testi, player e Music ID.  La grafica è davvero eccezionale: semplice, immediata  e… uguale a quella di Google Music. Beh, non proprio la copia perfetta, ma se avete avuto modo di usare un po’ l’app creata per il servizio offerto da Mountain View noterete subito l’impressionante somiglianza tra i due player musicali. Il risultato in ogni caso è veramente grandioso: passiamo da un player talmente insufficiente da non essere stato neanche considerato nella nostra precedente recensione ad uno che può benissimo diventare quello predefinito sui nostri smartphone.

La schermata iniziale ci permette di accedere alla musica, al riconoscimento delle canzoni in stile Soundhound e Shazam (Music ID), ai preferiti e alle impostazioni. My Music è sostanzialmente il player, diviso in Albums, Tracks, Artists e Playlists; la somiglianza con Google Music lo rende ancora più facile da utilizzare, anche se ha sicuramente menù meno ricchi dal punto di vista delle impostazioni.

E i testi? Beh, ovviamente non potevano sparire visto che musiXmatch è soprattutto un grande database. Una volta scelta la canzone basterà uno slide verso destra per passare da Now Playing a Lyrics per il testo del brano e altri due slide per Other lyrics e Biography che raccoglie una breve biografia del gruppo o del cantante. Se invece il testo che ci serve non è di una delle canzoni che abbiamo sul telefono basterà ricorrere all’icona per la ricerca posta in altro a destra.

Rimane uguale invece il sistema per l’aggiunta dei testi ai preferiti, mentre cambia quello per la condivisione che risulta molto più curato e permette di sfruttare più social network contemporaneamente; infine troviamo anche il bottone per segnalare un testo non corrispondente al brano o pieno di errori, grafici o ortografici.

Music ID l’abbiamo stressato con vari brani, comprese versioni strumentali di canzoni famose che non ha faticato a distinguere dai brani cantati; qualche scivolone l’ha fatto con la colonna sonora di Star Wars, ma nel complesso ci ha sorpresi, andando ben oltre le nostre aspettative.

Infine in Settings troviamo le impostazioni per la condivisione così come quelle generali, anche questa volta piuttosto ridotte all’osso ma, obiettivamente, non si sente il bisogno di averne altre a disposizione.

Il nuovo musiXmatch ci ha entusiasmato parecchio perché si vede chiaramente il desiderio di dare all’utente qualcosa di completo, curato ed elegante. Indubbiamente ci sono player più complessi e altrettanto indubbiamente ci sono app specializzate nel riconoscimento dei brani che non si fanno sfuggire nulla, ma quest’applicazione è certamente notevole nel suo tentativo di accontentare diversi tipi di utenti proponendo più funzioni, per altro tutte ben studiato e funzionanti.

A voi come sembra questo nuovo musiXmatch?