arm-cortex-a15

Sony potrebbe aspettare fino al prossimo anno prima di utilizzare SoC quad-core

Nicola Ligas

Gli smartphone presentati al Mobile World Congress da Sony avevano tutti tre elementi in comune: intanto la presenza di Gingerbread preinstallato (che non è propriamente un punto a loro favore), secondariamente il fatto di non eccedere i 4,3 pollici di diagonale (il che farà contenti gli amanti della “compattezza”) ed infine la totale assenza di chip quad-core, in un momento nel quale ogni altro produttore sembra non poterne fare a meno.

Stephen Sneeden, Product Marketing Manager di Sony, ha confermato in un’intervista che la sua azienda non ha affatto fretta di buttarsi nel mercato dei quad-core: si tratta di un suo commento personale, sia chiaro, non è una dichiarazione ufficiale, tuttavia, considerando anche la posizione che Sneeden ricopre, non ci sono motivi per non prenderla sul serio.

In effetti Sony non è stata certo un’azienda pioniera anche nel campo dei dual-core, quindi non ci stupirebbe di certo che la cosa si ripetesse e che i suoi primi modelli quad-core arrivassero magari proprio al MWC del prossimo anno.

A sostegno della propria tesi, Sneeden cita la scarsa maturità nel design dei chip quad-core e crede che le loro performance non siano ancora all’altezza delle aspettative; vedendo in effetti quanto Qualcomm sia riuscita a “spremere” un processore dual-core come l’MSM8960, anche in ambito 3D, non ci sentiamo di biasimare Sony se vorrà attenersi ai dual-core Cortex A15 (che sembrano promettere molto) come lascia intendere Sneeden. Voi che ne pensate?

Fonte: Fonte
qualcomm