• Home
  • Software
  • HTC ammette che la Sense era diventata eccessiva, si torna alla semplicità

HTC ammette che la Sense era diventata eccessiva, si torna alla semplicità

La Sense di HTC è indubbiamente una delle interfacce personalizzate più complete del panorama Android; fin troppo complete a voler essere pignoli, tanto che i suoi detrattori lamentano un eccessiva pesantezza ed un sensibile aumento di prestazioni (specialmente nei modelli meno performanti) alla sua rimozione. HTC sembra esserne consapevole e promette che con la nuova versione le cose cambieranno.

Kouji Kodera, chief product officer della casa taiwanese, ha infatti rilasciato un’interessante intervista a Pocketlint, nella quale afferma che il progetto Sense era partito bene ma si è un po’ complicato strada facendo:

Dalla Sense originale alla 3.5 abbiamo aggiunto troppe cose. Il concetto di partenza era che fosse semplice e facile da usare, ma col passare del tempo quell’idea si è fatta disordinata. C’erano semplicemente troppi elementi. Anche solo sulla home screen avevamo quattro o cinque icone prima che gli utenti avessero la possibilità di aggiungere qualcosa per conto loro. Per la serie HTC One siamo tornati nuovamente alla Sense 2. - e ancora – Ciò che abbiamo fatto ora è raggiungere un buon equilibrio tra elementi della Sense e di Ice Cream Sandwich. Non abbiamo provato a stravolgere tutto. Abbiamo tenuto molti degli elementi di ICS aggiungendovi tuttavia un profumo di Sense.

L’idea generale è insomma molto stuzzicante: le qualità dell’interfaccia sviluppata da HTC sapientemente mixate al fascino indiscutibile che Ice Cream Sandwich ha suscitato negli utenti Android. Ora semmai la domanda è: chi ne beneficerà? Con l’ovvia esclusione della serie One, non sappiamo quale incarnazione della Sense riceverà precedente generazione di smartphone HTC in procinto di essere aggiornati all’ultima versione di Android, ma è fin troppo ovvio per quale facciamo il tifo.

A margine dell’intervista, Kodera ha anche confermato la volontà dell’azienda di focalizzarsi sulla linea One quest’anno, evitando di sfornare continuamente nuovi dispositivi. Ben fatto HTC, ben fatto.

FONTE FONTE