Google Music in Italia

Google non sarebbe soddisfatta del suo servizio Music

Nicola Ligas

Secondo un report di CNET Google Music, divenuto pubblico lo scorso novembre, sarebbe al momento ben al di sotto delle aspettative in esso riposte, sia dal punto di vista degli introiti che per quanto concerne la sua diffusione.

Non ci è dato sapere in che misura il servizio non sia all’altezza del suo compito, né cosa intenda fare Google in merito. Quando, poco tempo fa, avevamo parlato del nuovo e probabile sistema di intrattenimento domestico di BigG, immaginavamo un coinvolgimento anche di Music, che adesso appare ancor più indispensabile.

Il Presidente uscente della Warner, Edgar Bronfman, aveva affermato lo scorso gennaio che Google “deve decidere se vuole o meno una piattaforma di contenuti“, in merito a Music.

Sinceramente a noi il servizio non dispiace affatto, ma è innegabile che il suo avvento non abbia suscitato grande hype, vuoi per i problemi con le major, vuoi per la diffusione non certo planetaria che ha avuto, ma è innegabile che Google non può permettersi di avere troppi servizi “nel limbo” (la Google TV c’è stata/c’è ancora da troppo tempo) e che se vuole essere competitiva deve trovare il modo di rilanciarli, magari facendoli lavorare anche assieme come già ipotizzato.

Fonte: Fonte