wikipad_header

Wikipad: il tablet per il gaming con display 8′ 3D

Lorenzo Delli

Il nome potrebbe far pensare alla famosa enciclopedia libera ma non è questo il caso: in realtà stiamo parlando di un prodotto molto particolare presentato ufficialmente al CES di Las Vegas; forse niente di rivoluzionario ma sicuramente qualcosa di diverso da ciò che la concorrenza sta presentando in questi giorni.

Come potete vedere dall’immagine di apertura, la particolarità del tablet è quella di avere un display (da 8 pollici) con tecnologia 3D che non necessita di appositi occhiali; e non finisce qui: il tablet è dotato di una dock station che aggiunge pulsanti dedicati al mondo del gaming (ecco il perché del nostro titolo). Immaginate quindi di giocare su un display 3D (sicuramente più ampio di un Nintendo 3DS) con l’ausilio dei pulsanti fisici e con il nostro amato robottino verde a fare da supporto.

Le informazioni a riguardo delle caratteristiche hardware sono un po’ limitate e non provengono dal sito ufficiale ma bensì da The Verge, che ha avuto modo di “metterci le mani” al CES di Las Vegas. Troviamo a bordo un single-core (e qui molti potrebbero storcere la bocca) da 1.2 GHz con 2 GB di RAM (tra i primi tablet a dotarsene) e 8GB di memoria interna; nessuna notizia invece sulla GPU sfruttata dal WikiPad. Il display ha una risoluzione di 1280×800 punti, luminoso e ben definito, ma con il comune difetto di essere un vero “magnete per le impronte“.

Altre dotazioni tecniche saranno la presenza a bordo di un’uscita HDMI, micro USB, microSD, fotocamera frontale e posteriore (da 2 Mpx). Sistema Android? ICS 4.0, che domande! Domanda lecita in realtà, visti i molti prodotti presentati con a bordo Gingerbread o Honeycomb.

Il tablet sembra, a detta sempre di The Verge, cavarsela molto bene con la riproduzione di filmati in 1080p in 3D. Inoltre la versione di prova era dotata dell’applicaione “Gaikai“, uno dei diretti rivali di Onlive, servizio di gaming over cloud che vi abbiamo presentato qualche settimana fa.

L’informazione che però vi destabilizzerà di più sarà indubbiamente il prezzo: 249$ in bundle con la dock per giocare. La domanda da porsi è: “arriverà mai in Italia?“.

Vi lasciamo con una galleria (gli scatti corrispondono allo stesso dispositivo ma in due versioni diverse, una delle quali con la dicitura “developer kit“) che lo ritrae in diverse angolazioni (anche se, in nessuno di questi scatti, vediamo qualche gioco alla prova) e con il link al sito ufficiale.

Link al sito ufficiale WikiPad

Fonte: Fonte
CESCES 2012