galaxy-s-boh

Contrordine: forse nessun “value pack” per Galaxy S/Galaxy Tab

Nicola Ligas

Ricordate la vicenda dell’aggiornamento ad Ice Cream Sandwich per Galaxy S e Galaxy Tab? Prima è stato negato, poi è stata messa in dubbio la negazione, poi c’è stata una virata su un presunto “value pack” che non avrebbe portato Android 4 ma solo alcune sue funzioni, ed ora sembra che anche quest’ultimo possa essere smentito. Per fortuna che nel frattempo la comunità degli sviluppatori non è stata a guardare!

Ma torniamo a noi, e dunque al value pack: un portavoce di Samsung avrebbe riferito a The Next Web che l’azienda non ha piani per il suo rilascio, sempre a causa delle risorse hardware a disposizione dei terminali in questione, che sono pienamente ottimizzati per Gingerbread, ma limitati ad esso.

Non sappiamo se questo scriverà la parola fine sull’intera vicenda o se ci saranno altri colpi di scena, ma saremo sinceri: l’idea del value pack non ci era piaciuta fin dall’inizio. Il caso dell’HTC Desire è ancora una volta esemplare: o riesci a garantire un aggiornamento fatto come si deve, o forse è meglio non ripiegare su mezze misure e sorbirsi in pieno le inevitabili polemiche. Il rischio di un update rilasciato più come contentino per il pubblico che per reale volontà dell’azienda, è quello di ritrovarsi con un sistema che funzioni peggio di prima, ed a quel punto chi hai accontentato? L’utente smaliziato avrà comunque provveduto con firmware alternativi, mentre quello più inesperto (che magari non è nemmeno in prima linea a protestare) lo installerà fiducioso, ritrovandosi tra le mani un aggiornamento che magari gli complicherà solo l’esperienza d’uso.

Morale della favola: i punti interrogativi nella nostra immagine vanno aumentando sempre più; speriamo solo non diventino così tanti da offuscarla.

Fonte: Fonte