PR-ASUS-Eee-Pad-Transformer-Prime-front-Amethyst-Gray2-540x390

Asus vuole vendere 6 milioni di tablet nel 2012

Nicola Ligas

Uno dei classici riti nel periodo di fine anno è quello di fare dei buoni propositi per quello che verrà: Asus non si sottrae a questo scaramantico rito, e tanto per non alzare troppo la posta in palio si augura di vendere 6 milioni di tablet nel 2012 (di cui la metà vorrebbe che fossero Transformer Prime).

Evidentemente gli iniziali problemi col WiFi dell’ormai imminente tablet con Tegra 3 non hanno fatto diminuire le aspettative dell’azienda, che logicamente deve tenerle alte a prescindere. C’è da dire che il primo Transformer, nonostante si possa definire un modello di successo, ha venduto “solo” 1,8 milioni di esemplari in tutto il mondo, ed in generale la popolarità dei tablet con Android non può certo definirsi al livello dell’iPad.

Ciò nonostante pensiamo che il 2012 possa (debba) essere senz’altro l’anno del riscatto, non tanto per Asus quanto per le tavolette Android in generale: intanto la presenza di Ice Cream Sandwich porterà un sistema unificato e (ce lo auguriamo) più performante di Honeycomb, che in tal senso non può essere definito una star. Inoltre l’offerta va ormai diversificandosi parecchio, coprendo praticamente ogni dimensione possibile fino ai fatidici 10.1 pollici, con modelli simili ma anche molto diversi a seconda del taglio che le varie aziende hanno voluto dar loro. Questi due fatti, uniti alla disponibilità di prodotti a prezzi non certo astronomici (come alcuni Acer o Archos), dovrebbero dare uno scossone ad un mercato fin troppo dominato dai modelli di Apple che, per quanto validi, non offrono niente di così particolare in più rispetto all’offerta Android prossima ventura (ed in parte anche attuale).

Ritornando brevemente ad Asus e alle sue generose aspettative, c’è da dire che nel 2012 l’azienda avrà molte frecce al proprio arco: a parte il già citato Prime avremo anche l’attesissimo Padfone, il MeMO, i sicuri ribassi del Transformer originale che rappresenta comunque un modello appetibile, specialmente in vista dell’annunciato update ad Ice Cream Sandwich, e chissà magari vedremo finalmente una versione definitiva dello Slider. Riuscirà Asus nell’impresa dei 6 milioni di clienti? Ma soprattutto riusciranno le tavolette Android a consolidare la propria posizione di mercato? Diteci la vostra.

Fonte: Fonte