Google Latitude Dashboard

Google Latitude Dashboard: dove sei stato, che strada hai fatto e dove sei andato in vacanza

Emanuele Cisotti

Google Latitude è quel servizio che permette a Google di conoscere la nostra posizione, condividerla con gli amici e se vogliamo sfruttare la potenza dei check-in anche tramite Places (Luoghi). Latitude è attivabile da Google Maps in modo molto semplcie (Menu > Attiva Latitude).

Ma una volta attivato cosa possiamo fare (oltre che spiare i nostri amici -consenzienti-)? Non tutti sapranno che aprendo Latitude e premendo sul proprio nome e poi Visualizza cronologia delle posizioni, ci verrà mostrato un simpatico riepilogo che ci dirà quanto tempo abbiamo trascorso a casa, quanto a lavoro e quanto fuori (la posizione è acquisita automaticamente, ma se stesse sbagliando potrete correggerlo dal menu). Simpatico anche il grafico a torta che vi fa vedere la percentuale di tempo trascorso a lavoro o la scala di valori che ci indicherà quanto ancora dovremo viaggiare per poter paragonare la vostra vita ad un lungo viaggio verso la luna (a me mancano 322.529km). Dall’ultima versione di Android è possibile accedere a questa voce anche premendo sul nuovo tasto in alto e poi Cronologia delle posizioni.

Tutto qui? Se già non vi sembra incredibile che Google utilizzi le vostre ore di sonno per capire qual’è casa vostra e i vostri tragitti casa-lavoro come un fantomatico viaggio verso la luna, tenetevi forte.

E’ stato da poco lanciato Google Latitude Dashboard che tramite sito web permette di tenere traccia di qualsiasi vostra azione in giro per il mondo. Ecco qualche informazione interessante che potrete tracciare:

  • Traccia di tutti li spostamenti, giorno per giorno, selezionabili tramite calendario
  • Grafico che mostra l’aumento della distanza dal proprio punto di partenza la mattina
  • Possibilità di eliminare le traccie di un giorno o la singola traccia lasciata
  • Mostrare l’ultima posizione approssimativa segliendo giorno e ora
  • Tutti gli ultimi check-in
  • Visualizza la lista dei posti più visitati e tutte le ultime visite
  • Lista degli ultimi aerei presi e dove siamo stati diretti
  • Nazioni più visitate e data dell’ultima visita
  • La lista delle ultime vacanze

Lasciando per un attimo da parte tutta la paranoia che può generare un servizio simile, è stupefacente come Google abbia sfruttato un sistema semplice come la geolocalizzazione (o almeno semplice adesso) per creare statistiche molto dettagliate. Lasciate lavorare Latitude e vedrete: nel mio caso ha indovinato tutte le mie vacanze dal 2010 e qual’è stato l’ultimo aereo che ho preso, con tanto di aereoporti di decollo e atterraggio.

Rimanere fuori da tutto questo è molto semplice: basta disattivare Latitude. L’unico fattore che possiamo definire inquietante, è la raccolta di dati in una forma che sembra quasi invitare l’utente a spiare qualcuno della propria famiglia o dei propri amici (sempre che si conosca la password dell’interessato). E’ una pratica che ovviamente non invtiamo a seguire, sia per motivi del tutto morali, sia per la legge italiana che lo vieta espressamente. Siamo comunque rincuorati dal fatto che se il servizio è attivo riceveremo sempre una mail di conferma (periodica), in modo da poter essere certi che nessuno ha attivato a nostra insaputa il servizio senza dover controllare in continuazione. Insomma, se la vostra relazione andasse a rotoli non potrete certo dare la colpa a Google.