noom

Noom: dimagrire non è mai stato così facile

Erika Gherardi

Ci sono tante applicazioni che millantano di poter farci dimagrire, mantenere in forma o diventare fotomodelli/e, ma per fortuna ce ne sono alcuni studiate con una maggior intelligenza che permettono di ottenere buoni risultati senza illudere troppo gli utenti. Una di queste è Noom.

Dopo aver settato alcune informazioni di base, ossia età, genere, altezza, peso e peso che si desidera raggiungere, visualizzeremo il nostro piano per perdere peso comprensivo del peso che dobbiamo perdere e degli esercizi che dovremo fare ogni settimana e delle calorie che dovremmo consumare ogni giorno.

In tutto ciò cosa dovremmo fare noi? Fondamentalmente due cose: dire a Noom cosa abbiamo mangiato e fare esercizio. Entrambe le cose si fanno nella scheda Logbook.

Cominciamo con i pasti. Possiamo aggiungere i pasti tappando su Today’s Meals e gli spuntini tappando su Log Snack. Noom distingue i cibi in 3 categorie: verde, gialla e rossa in base a quanto è salutare l’alimento. Una volta individuata la categoria dobbiamo poi scegliere tra Tiny, Small, Medium e Large in base al numero di calorie assunte all’incirca. Non sapete a quale categoria appartiene un alimento? Allora tappate su “Which food is green/yellow/red?” per avere una lista di cibi che vi aiuteranno a decidere.

L’allenamento invece si comincia premendo Start Workout e decidendo che tipo di esercizio vogliamo fare. L’interfaccia vi sembrerà familiare perchè è uguale a quella di CardioTrainer, quindi se avete confidenza con quest’ultima applicazione ci metterete pochissimo ad adattarvi a Noom.

Oltre alla scheda Logbook, ne abbiamo altre 4: Coach, Forums, History e Profile. Le ultime tre potete facilmente dedurre cosa contengano:  forum per discutere di diete, eserciti o dell’app, il vostro diario con pasti ed esercizi e infine il profilo con il riassunto dei vostri risultati (medaglie comprese).

Vorrei invece soffermarmi su Coach. Qui troviamo una serie di utili consigli e in particolare la sfida del giorno, come ad esempio fare le scale invece che prendere l’ascensore. Coach quindi serve a motivarvi fornendovi ogni giorno compiti più o meno difficili che potete decidere se portare avanti o meno. Completare le sfide proposte vi aiuterà a guadagnare punti.

E le impostazioni? Le troviamo in Profile alla voce Settings & more. Qui possiamo impostare l’account, le unità di misura e le notifiche; in Exercise Tracking possiamo decidere i settaggi dei nostri allenamenti mentre in Food Logger possiamo scegliere se abilitare il “water logging” per monitorare il nostro consumo d’acqua e impostare l’orario della sveglia per far sapere all’app quando facciamo colazione.

A quest’applicazione non manca niente: ottima interfaccia, funzioni notevoli e un sacco di consigli utili. A questo punto dovete solo metterci un po’ di buona volontà!