RevolutionHD

Arrivano i primi firmware modificati per il Galaxy Nexus

Giuseppe Tripodi

Gli smartphone della famiglia Nexus sono sempre stati ottimi compagni per gli smanettoni: dopo le estreme personalizzazioni del Nexus One e del Nexus S, anche l’ultimo arrivato di casa Google sembra si stia facendo strada nel campo del modding.

È da circa una settimana ormai che il Galaxy Nexus è ufficialmente in vendita anche in Italia e sebbene ancora non si riesca a trovarlo ancora in tutti i negozi fisici, chi di dovere ci ha già messo mano da un po’, portandoci il root, la ClockWork recovery e la prima ROM cucinata dal famoso team MoDaCo.

Ma lo sviluppo non si ferma mai e da qualche giorno è sul web anche un nuovo, promettente firmware chiamato Android Revolution HD, arrivato in pochissimo tempo già alla versione 1.3.1.

Le motivazioni che potrebbero spingere gli utenti ad installare questa nuova ROM sono i diritti di root inclusi con tanto di SuperUser  (ovviamente!) e BusyBox, la rimozione di bloatware vari, il nuovo kernel 3.0.9-mck-r3+ e varie migliorie per aumentare la velocità generale del sistema.
Questo firmware, inoltre, è completamente de-odexed per facilitare altre eventuali customizzazioni con temi o MOD e formatta la partizione interna utilizzando Ext4 come file-system, assicurando una maggiore velocità nella scrittura e lettura di files.
Trovate tutti i dettagli in questo topic di XDA.

Ma non è tutto: proprio oggi il famosissimo Paul O’Brien di MoDaCo ha rilasciato l’update della prima release della sua ROM, adesso giunta alla versione IR5, aggiornando il kernel e inserendo altre chicche tra cui il supporto per la rotazione del Launcher.
Ovviamente anche in questo caso troviamo i permessi di root ed il firmware è de-odexed.
Come i veterani sapranno, inoltre, la peculiarità del team MoDaCo è l’online kitchen, dove ogni utente premium (la donazione è di 9$ all’anno) può personalizzare come meglio crede il sistema che andrà ad installare sul proprio smartphone.
Per chi non si sentisse in vena di offerte, è comunque possibile scaricare gratuitamente la versione base.
In questo caso la vostra cucina online la trovate nel thread ufficiale dove ci sono anche i link per il download  della versione gratuita.

Insomma, la comunità si sta muovendo e si sta muovendo velocemente e bene: insieme al primo esperimento di MoDaCo, questa nuova ROM sembra aver aperto la strada a tutti i curiosi che vogliono mettere mano al loro fiammante Galaxy Nexus.

Noi siamo curiosi di sapere come si stanno comportando i nostri lettori: avete già il root e la recovery modificata? Installerete una delle due ROM o vi trovate bene con il firmware ufficiale?

Fonte: Fonte