orphand-android-phones

Ecco gli smartphone più vulnerabili del 2011

Nicola Ligas

Mentre qualcuno s’interroga sulla reale minaccia di virus e malware per il mondo mobile, qualcun altro, come Bit9, stila un rapporto sui modelli più a rischio dell’anno: diamo dunque un’occhiata a questa “sporca dozzina“!

Il problema riguarda soprattutto i telefoni “orfani”, quelli cioè che non vengono più aggiornati, lasciando così patch di sicurezza non applicate e bug non sistemati: secondo Bit9 tutti i modelli con una versione uguale o precedente alla 2.3.3 sono da considerarsi tali. La Top 12 la potete vedere nell’immagine in alto: compaiono molti nomi famosi, dal Desire al Galaxy S passando per l’Optimus One, ce n’è un po’ per tutti i principali produttori di terminali Android.

Siamo sicuri che molti proprietari di questi modelli non si sono mai accorti di avere tali minacce nelle loro mani, né probabilmente mai lo faranno, ma non per questo ci discostiamo dalle conclusioni di Harry Sverdlove, CTO di Bit9:

Dobbiamo mettere sotto pressione i produttori per richiedere o un modello differente dove gli aggiornamenti siano scontati, o che prendano più seriamente l’aspetto sicurezza.

Sebbene da una parte la corsa all’update sia diventata un facile modo per sollevare vespai a volte un po’ eccessivi, dall’altra è legittimo domandare più assistenza post-vendita per oggetti che spesso costano diverse centinaia di euro, e che comunque ne hanno bisogno per loro stessa natura. Google aveva già fatto un passo in tal senso con i famosi 18 mesi di update, vedremo se e come saranno rispettati.

Fonte: Fonte
video