header

Hockey Nations 2011 THD, l’hockey sbarca su Tegra 2 [Recensione]

Lorenzo Delli -

Insieme al nuovissimo Sony Tablet S (se vi siete persi l’unboxing correte a vederlo!) abbiamo avuto l’occasione di provare la versione dedicata a dispositivi Tegra di Hockey Nations 2011 THD, uscito, per il momento, solo per Xperia Play.

Hockey Nations 2011 THD, insieme al precedente capitolo della serie, è uno dei pochissimi giochi per piattaforma Android dedicato ad uno dei quattro principali sport americani. Hockey Nations sarà disponibile per dispositivi Tegra da Novembre (non possiamo ancora dirvi con certezza la data) ed il prezzo non si dovrebbe discostare molto dal precedente capitolo della serie (3,63€).

  • Gameplay & Controlli

Hockey Nations ha al suo interno moltissime modalità di gioco. Si parte con le modalità per le partite veloci con semplici esibizioni, abilitandovi a scegliere il vostro team e gli opponenti, partite di allenamento, in cui farete pratica con gli schemi di attacco e difesa e “shootout”, l’equivalente dei rigori del calcio. Troviamo dopo i playoffs, un vero e proprio campionato diviso tra eastern e western division, e il torneo internazionale, con le maggiori squadre nazionali di Hockey mondiale (due le modalità disponibili, go for gold e world league). Ci sono ben 40 squadre per le divisioni americane e 18 squadre internazionali, ognuna caratterizzata da 3 statistiche; naturalmente ci sono squadre deboli e forti, in modo che il giocatore possa sfidare la propria bravura.

Si sente purtroppo l’assenza di una modalità di tutorial guidata, anche solo per illustrare ai neofiti le regole dell’Hockey e i controlli; alla voce help trovate comunque delle schermate che vi indicano a cosa servono i controlli disponibili durante le partite. Inoltre, per ogni match, è possibile selezionare tre tipi di difficoltà, se attivare o meno delle regole aggiuntive  dell’hockey (vedremo dopo quali sono gli effetti), la durata di un singolo match e se attivare la modalità “combattimento” (anche di questa ne parleremo in seguito). Veniamo al dunque e parliamo del vero e proprio gameplay. L’interfaccia di gioco è pulita e funzionale: sulla sinistra trovate il pad virtuale dedicato al movimento del giocatore controllato mentre sulla destra trovate i comandi per i passaggi, i tiri e per lo scatto.

In alto a destra, di fianco al pulsante di pausa, troviamo un pulsante che ci permette di modificare in tempo reale le tattiche di gioco; non solo, dalla solita interfaccia è possibile attivare l’opzione di “pull goalie“, che spinge tutta la squadra in avanti per favorire il goal, e il pulsante “Initiate Fight”. Per chi non lo sapesse nell ‘Hockey, ma solamente negli Stati Uniti, è concessa la possibilità di fare letteralmente a pugni con il proprio avversario. Quando infatti non siete in possesso del puck (il nome ufficiale del dischetto protagonista dell’Hockey) i comandi sulla sinistra cambieranno con il pulsante per scartare l’avversario e con quello dedicato appunto ad iniziare un combattimento con l’avversario.

Se non avete precedentemente dato un occhiata alle schermate presenti nella sezione help non avrete assolutamente idea di come battere a pugni i vostri avversari: non ci sono controlli sullo schermo infatti e il tutto si svolge con dei semplici swipe per pararsi, scansarsi e colpire. Attenzione però, con un combattimento può esserci una squalifica di cinque minuti del giocatore! Nel caso invece di dispute per il controllo del puck in occasione di fuori gioco dovrete essere i più veloci a premere sul puck stesso in una piccola interfaccia dedicata al centro dello schermo. I rigori funzionano allo stesso modo: quando dovrete parare, all’avvicinarsi del giocatore avversario alla porta, apparirà sullo schermo una stilizzazione della porta con 5 punti e dovrete essere veloci a premere il punto giusto per parare con successo.

  • Realismo e difficoltà di gioco

Una delle principali caratteristiche dei giochi di sport è sicuramente il realismo dello stesso a confronto con la disciplina da cui prende spunto. Effettivamente, dando un’occhiata approfondita alle meccaniche dell’Hockey, Hockey Nations contiene al suo interno tutte le principali regole che fanno da contorno al suddetto sport (tranquillamente disattivabili per chi desidera un’esperienza più arcade). Selezionando la modalità “easy” però, il gioco è caratterizzato da una facilità disarmante (si parla di partite che finiscono tranquillamente 16 a 0), che servono più che altro a far apprendere al giocatore i meccanismi di gioco. Già con la difficoltà medium si apprezza maggiormente il tutto, con avversari più reattivi e combattivi (e con un portiere avversario davvero ostico).

  • Grafica & Sonoro

Potremmo quasi dire che la grafica non è proprio il punto forte del gioco, anche se bisogna ammettere che è di tutto rispetto. Vero è che, con l’uscita di Shadowgun e l’avvicinarsi di titoli quali ROC, Bladeslinger o Modern Combat 3, i canoni di giudizio sui motori grafici dedicati al mondo del mobile gaming stanno subendo un drastico cambiamento. Ciò nonostante, quello che Hockey Nations ha da offrire al grande pubblico è un discreto motore grafico, coadiuvato da dei buoni riflessi sul campo ghiacciato. I movimenti dei giocatori sono abbastanza fluidi, anche se da distanza ravvicinata non brillano certo per dettaglio (specialmente durante i combattimenti corpo a corpo). Belli i replay visualizzabili dopo un goal con diversi angoli di visuale. Dalle opzioni è possibile scegliere tre modalità diverse di visuale che vanno a modificare la lontananza della telecamera dal campo di gioco.

– 

Buone le musiche e gli effetti sonori ma lo stesso non si può dire dell’uso che ne viene fatto: durante la partita infatti non ci saranno musiche di sottofondo ma, nel caso di fuorigioco o penalità scatterà immediatamente la musica, che si interromperà senza troppi complimenti alla ripresa normale della partita.

  • Riepilogando…

Hockey Nations 2011 è un gioco valido sia per gli appassionati dello sport che per quelli che sono desiderosi di portare un po’ di sport sul robottino verde. La curva di apprendimento non è per niente ripida (nonostante l’assenza di un tutorial) ed il gameplay veloce coadiuvato da un buon comparto grafico rendono il titolo molto appetibile. Se avete letto tutta la recensione avrete capito che non è esente da difetti ma si è ben disposti a chiudere un occhio. Il gioco sarà disponibile inizialmente solo per dispositivi dotati di chipset Tegra (non ci è dato sapere se e quando verrà rilasciato anche per altri dispositivi). Lo abbiamo testato sia sul nuovissimo Sony Tablet S che sul “più datato” Motorola Xoom.

Gameplay: Ottimi i controlli e la scelta di modalità di gioco.
Voto: 90/100
Grafica: Non al top ma sicuramente molto valida.
Voto: 80
Sonoro: Qualche errore nella scelta di come impiegare le musiche a disposizione.
Voto: 70
Longevità: Davvero ottima, un titolo dalle molte opportunità, rigiocabile più e più volte.
Voto: 90

Voto Complessivo: 85/100

[app]com.distinctivegames.hockeynations2011thd[/app]

Motorola Xoom

Motorola Xoom

confronta modello

Ultime dal forum:

  • dal forum 01-01-1970 - 00:00
Sony Tablet S

Sony Tablet S

confronta modello

Ultime dal forum:

  • dal forum 01-01-1970 - 00:00
video