Espier Launcher: il launcher in stile iOS

Alcuni utenti Android a volte lamentano la scarsa attenzione alla grafica delle applicazioni rispetto ad iOS ed effettivamente non è raro che le interfacce siano davvero minimali, con una scarsissima attenzione al dettaglio. Solitamente questo non è il caso dei launcher, ma, a coloro non fossero comunque soddisfatti, oggi vorrei consigliare Espier Launcher.

Ve lo dico subito: è relativamente nuovo e si vede, ma lo sviluppo è rapido ed interessante. Espier Launcher è presente in due versioni (entrambe gratuite), una per Android 2.1 e una per le versioni successive, e, come avete letto nel titolo, si ispira al sistema operativo mobile di Apple quindi niente widget e niente app drawer perchè, come da manuale, le applicazioni sono tutte sulle vostre homescreen.

I primi 30 secondi utilizzo purtroppo mi sono serviti a trovare il difetto peggiore di questo launcher, almeno secondo me: non c’è verso di averlo in landscape. Per alcuni potrebbe essere qualcosa di trascurabile, ma il problema nasce quando lo smartphone ha la tastiera fisica come il mio. Perchè? Beh, perchè la prima schermata contiene la barra della ricerca e se io volessi scrivere in landscape, con o senza tastiera fisica, la cosa diventerebbe scomoda ed irritante.

Tuttavia il launcher ha diversi punti a suo favore. Tanto per cominciare basterà uno swype verso l’alto partendo dal dock per avere una sorta di multitask in stile iOS; procedendo verso destra avremo tutte le applicazioni aperte, mentre a sinistra troviamo sincronizzazione, wifi, bluetooth, traffico dati, luminosità e suoneria.

Molto comode anche la possibilità di creare cartelle trascinando le applicazioni una sopra l’altra e quella di fare un backup/riprisino della configurazione del launcher.

Ovviamente sono presenti anche le classiche funzioni quale la modalità Edit semplicemente tenendo premuto su un’applicazioni, l’indicazione del numero di sms o email non lette oppure di chiamate perse, la possibilità di creare collegamenti sulla homescreen e ovviamente la possibilità di ordinare le icone delle app nel modo che si preferisce. Da migliorare invece la funzione che permette di sfruttare l’accelerometro per spostare un’icona da una schermata all’altra.

Veniamo alle impostazioni che a mio avviso sono poche ma sufficienti considerando le funzioni di Espier Launcher.  Oltre alle preferenze di carattere generale come animazioni, rebound e la possibilità di eliminare la schermata della ricerca, ho trovato interessante la funzione App Access Control che ci permette di scegliere se e quali app avviare previo inserimento di una password o di un pattern.

Espier Launcher è sul Market da poche settimane ma ha fatto già diversi passi avanti dal mio punto di vista. Certo è che non attecchirà moltissimo proprio perchè stravolge un po’ l’essenza di Android a favore di un’interfaccia in stile iOS, ma tra gli amanti del genere potrebbe avere un discreto successo. Voi che pensate?