ionroad

La “guida aumentata” si chiama iOnRoad

Nicola Ligas

Quando pensiamo alla realtà aumentata ci vengono in mente app come Wikitude e affini, ma qualcosa come iOnRoad in effetti non ha eguali, ed in materia di sicurezza stradale ogni nuova è una buona nuova.

Smartphone e guida sicura sono in effetti un binomio non molto felice, come tutte le cose che distolgono i nostri occhi dalla strada: anche un semplice occhiata al GPS, per quanto breve, ci costringe a sviare sguardo e attenzione dall’asfalto, non parliamo poi di altre attività come telefonate o sms, per le quali il vivavoce ed i comandi vocali sono necessari per guidare in tutta sicurezza.

L’app funziona infatti come una sorta di “distanziometro” avvertendoci del tempo di arresto che ci separa dal veicolo successivo: il telefono va infatti collocato con la fotocamera puntata verso la strada, tramite apposito supporto per auto, e sfruttando la velocità ottenuta tramite GPS e le immagini catturate dalla videocamera, iOnRoad ci farà da radar, avvertendoci visivamente (tramite delle strisce colorate sullo schermo) e sonoramente quando la distanza dal veicolo che ci precede non può essere considerata “di sicurezza”. L’app è inoltre in grado di funzionare in background, avviandosi automaticamente non appena la situazione inizia a farsi critica.

Insomma niente di non visto in alcune auto di fascia alta, che adesso però diventa a disposizione di tutti grazie ad Android. Sulla reale utilità di questo tipo di applicazioni e sulla loro efficacia potremmo invece discuterne a lungo: non vorremmo sembrare retrogradi o controcorrente, ma spesso un po’ di sana e semplice attenzione alla guida è la cosa migliore.

In ogni caso l’app è gratuita e provarla non costa niente; attenzione però perché dovrete avere almeno un processore da 1GHz, Android 2.2 ed una risoluzione dello schermo di 640 x 480. Video promo e di funzionamento a seguire.

Fonte: Fonte
guidavideo