astro

Astro si rinnova completamente: file management all’ennesima potenza (anche per tablet)

Nicola Ligas

E’ appena uscita nel Market una major release di quello che è probabilmente il file manager più popolare su Android: parliamo di Astro 3.0, che rinnova completamente la sua grafica e le sue innumerevoli funzionalità.

La nuova interfaccia si sposta decisamente dai toni del giallo/arancio a quelli del celeste/blu (l’influenza dell’imminente Ice Cream Sandwich si fa a quanto pare sentire) e conserva tutte le funzioni della precedente versione, aggiungendone ovviamente altre e rendendo anche quelle vecchio più user-friendly, grazie ai nuovi menu ed alla nuova impostazione generale dell’app.

All’avvio verremo infatti accolti da una pratica schermata riassuntiva che ci proietterà in un attimo alle tre funzioni principali del nuovo Astro:

  • il gestore processi, col quale potremo visualizzare e terminare tutte le app, i servizi ed i processi attivi sul sistema
  • il gestore applicazioni, dal quale sarà possibile effettuare pratici backup dei software installati
  • il gestore file, ovvero il classico manager, riveduto e corretto nella grafica e nelle funzioni (tra tutte il comodo drag and drop)

Ma le novità non finiscono qui, perché non è solo la versione per smartphone ad essersi rinnovata, ma anche quella per Honeycomb, che trae vantaggio dalle dimensioni maggiori del display offrendo una comodissima modalità in split-screen.

Insomma Astro riesce perfettamente a coniugare due aspetti non facilmente coincidenti: semplicità e funzionalità. L’utente alle prime armi non avrà difficoltà a muoversi tra i propri file, quello più smaliziato potrà personalizzare l’app a sua immagine e somiglianza per gestire, condividere e salvare ogni suo dato.

Potete osservare Astro in azione su tablet direttamente nel video qui sotto, mentre a seguire trovate alcuni screenshot della versione per smartphone ed a fine articolo ci sarà come sempre ad attendervi il solito box con i link al Market. E voi quale file manager preferite?

Fonte: Fonte
video